Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Vino: tre cantine italiane fanno da apripista a My Story

Agronews

Vino: tre cantine italiane fanno da apripista a My Story

Sono  i vini di tre cantine italiane a fare da apripista  a My Story, la soluzione dell’ente di certificazione internazionale DNV Gl per narrare passo passo la storia vera del prodotto.  L’obiettivo della cantina Ricci Curbastro (Franciacorta), Ruffino (Toscana) e Torrevento (Puglia) è quella di valorizzare le eccellenze produttive italiane e  garantire l’origine e le specificità dei  prodotti utilizzando la blockchain unitamente alla consolidata esperienza del mondo della certificazione. My Story- si legge in una nota-  è una soluzione basata su una serie di controlli di filiera e di prodotto. I dati raccolti sul campo, i risultati delle verifiche svolte da Dnv Gl e da altri enti di controllo confluiscono in un vero e proprio racconto, dal grappolo d’uva alla bottiglia, a cui i consumatori potranno facilmente accedere attraverso un Qr-code posto in etichetta.

“Siamo partiti – ha spiegato il M&a and Digital Transformation Director di Dnv Gl - Business Assurance Renato Grottola.- da un prodotto iconico come il vino, che più degli altri è scelto per la sua storia: cantina, anno di vendemmia, metodo produttivo fanno la differenza per il consumatore. Tuttavia, si tratta solo della prima applicazione di My Story™: sono in corso altri progetti che coinvolgono realtà del mondo della moda e del settore agroalimentare. Attraverso My Story™ e la digitalizzazione delle filiere, siamo convinti di poter offrire un contributo significativo nella valorizzazione del made in Italy e nella tutela dell’autenticità del prodotto”

 

Foto di Corrado Murlo.

in data:11/01/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Food delivery, fatturato a 350 milioni di euro nel 2018, + 69%

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo