Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta » Vola il giro d'affari del carrello dei prodotti regionali. Vale oltre 2,34 miliardi

Filiera Corta

Vola il giro d'affari del carrello dei prodotti regionali. Vale oltre 2,34 miliardi

Un prodotto alimentare su dieci venduto in supermercati e ipermercati segnala in etichetta la regione di cui è espressione. La più presente sulle confezioni resta il Trentino-Alto Adige

Roma- “Bollicine” venete, taralli pugliesi, salumi emiliani, latte piemontese, yogurt altoatesini, vini siciliani, mozzarelle campane e pasta molisana: si fa sempre più ricco e consistente il “menù regionale” acquistabile negli ipermercati e nei supermercati italiani. Il fenomeno è confermato dall’Osservatorio Immagino Nielsen Gs1 Italy, che ha trovato l’indicazione della regione di provenienza sul 10,8% dei 76.290 prodotti alimentari del suo paniere. Complessivamente si tratta di un carrello della spesa che sviluppa oltre 2,34 miliardi di euro di vendite e che in un anno è cresciuto di +2,6% (soprattutto grazie all’aumento dell’offerta), contribuendo per l’8,0% al giro d’affari totale del mondo food analizzato.

Le regioni con la maggior crescita annua, in termini di vendite, sono state Veneto, Sicilia, Puglia, Calabria, Molise, Marche Liguria. Bene anche: Trentino-Alto Adige, Piemonte, Emilia-Romagna, Toscana, Lombardia, Campania, Friuli-Venezia Giulia.  Bilancio negativo, invece, per Sardegna, Umbria, Lazio e Abruzzo, che hanno accusato un calo delle vendite dei prodotti su cui sono segnalate in etichetta.

L’aggiornamento della “classifica” delle regioni nel carrello della spesa, realizzata grazie alle rilevazioni condotte dall’Osservatorio Immagino in termini di numero di prodotti a scaffale e relativo valore delle vendite in supermercati e ipermercati conferma la leadership del Trentino-Alto Adige. Come nelle precedenti classifiche, questa regione resta al primo posto sia per numero di prodotti sia per giro d’affari (rispettivamente 1,3% e 1,2% del mondo alimentare analizzato), e in 12 mesi ha aumentato di +2,4% le vendite, sostenute dalla crescita di yogurt funzionali e magri, affettati e vegetali conservati. Sul podio, a pari merito per valore di vendita (0,9% del paniere food), anche il Piemonte (con sell-out in crescita di +3,1%), segnalato sulle confezioni dell’1,3% dei prodotti alimentari (soprattutto vini, formaggi freschi, acqua e latte), e l’Emilia-Romagna (+1,3%), presente in particolare sulle etichette di vini, salumi, succhi e merendine (1,0% del totale food).

Ma a registrare il miglior trend assoluto dell’anno è il Molise, che ha una presenza contenuta (0,1% dei prodotti e 0,2% del giro d’affari totale del paniere alimentare Immagino) e che ha visto volare di +28,4% in un anno il sell-out dei prodotti su cui è stata segnalata in etichetta (pasta in particolare). Bene anche la Puglia, che ha registrato un aumento del giro d’affari a due cifre (+13,1%), e che è stata indicata sulle confezioni dello 0,7% dei prodotti rilevati, ai quali si deve lo 0,3% del venduto totale dell’alimentare di largo consumo. A determinare questo trend sono state mozzarelle, pasta e sottoli, che, insieme ai taralli, rappresentano anche i pilastri dell’offerta pugliese in termini di valore delle vendite. Ultimo gradino del podio dei trend di vendita per la Calabria che, segnalata perlopiù sulle confezioni di amari, surgelati vegetali e tonno, ha messo a segno un +8,7% del giro d’affari annuo.

in data:19/03/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion