Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Zum, tiramisù con il pedigree

L'indirizzo

Zum, tiramisù con il pedigree

A pochi passi dal mercato Campo de' Fiori e nel pieno centro di Roma una bottega del gusto tutta dedicata all'arte dolciaria proposta in monoporzioni e in vari gusti

Roma- Per chi ama i dolci è una tappa da non perdere. Ma soprattutto visitare e degustare da Zum fa certamente curriculum per tutti i gourmet che si rispettano e per i semplici appassionati del genere visto il pedigree del tiramisù proposto. Insomma il pellegrinaggio in questa bottega della golosità del mascarpone, uova, zucchero savoiardi e caffè che ha il suo habitat nel pieno centro della città eterna  a due passi dal mercato di Campo de' Fiori è sicuramente imperdibile per chi è di Roma e anche per i forestieri di un solo giorno. Ecco quindi che appena si entra da Zum (Piazza del Teatro di Pompeo 20) il risultato è di avere il fiato in gola alla sola vista del laboratorio e del dolce in preparazione per un prodotto finale realizzato utilizzando solo materie prime di alta qualità e biologiche: uova da allevamento a terra, mascarpone dalla centrale del latte di Brescia e farine. 

Imbarazzante è poi la proposta garantita in monoporzioni e in vari gusti e tutta espressa:  si va dal tiramisù classico al pistacchio di Bronte, alla nocciola, ai frutti di bosco o alle fragole in base alla stagione, al rum, in versione light (con ricotta fresca in sostituzione del mascarpone)  fino allo speciale gusto Zum che prevede l'uso di biscotti Gentilini in onore della Capitale e crema spalmabile al cioccolato. Non mancano inoltre le versioni senza glutine o senza lattosio. Il segreto della bontà gustata è invece riconducibile a una vecchia ricetta della nonna di Barbara Agosti, una delle tre socie e chef del gruppo che hanno dato vita al luna park del tirmamisù, aperto dalla domenica al giovedi’ dalle 11:00 alle 23:00 e il venerdi’ e il sabato dalle 11 all’1.00 e chiamato Zum ovvero l'acronimo di zucchero, uova e mascarpone!

Gianluca Pacella

in data:22/02/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo