Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » La Forchetta Dispettosa » Delusione gourmet, la verticale di insetti, cavallette e scorpioni è rimandata

La Forchetta Dispettosa

Delusione gourmet, la verticale di insetti, cavallette e scorpioni è rimandata

Slitta la degustazione. Per gourmet incalliti e semplici curiosi di novità enogastronomiche il novel food è ancora un sogno nel Belpaese. Insomma per i palati più audaci la verticale su insetti, cavallette, scorpioni e altro è rimandata. A deludere i fan del genere è il ministero della Salute che ha inviato nei giorni scorsi un'informativa agli assessorati regionali alla Sanità, agli uffici sanitari di frontiera e ai Nas.

"In Italia- si spiega-  non e' stata ammessa alcuna commercializzazione di insetti e pertanto la commercializzazione come alimento di un insetto o di un suo derivato potra' essere consentita solo quando sara' rilasciata a livello UE una specifica autorizzazione". "alla luce delle richieste di chiarimenti pervenute, nonche' delle informazioni diffuse dai mezzi di informazione sulla possibilita' di impiego come alimenti di insetti e/o loro derivati per effetto dell'applicazione del Regolamento (UE) 2283/2015 sui nuovi alimenti (novel food) dal 1 gennaio 2018". Il regolamento, precisa il ministero, non sdogana affatto gli insetti a scopo alimentare in Italia, ne' altrove. Servono specifiche domande per ognuno di questi, considerati tutti, ovviamente, "novel food", che vanno valutate dall'Unione europea alla quale spetta l'ultima parola. Cosa che al momento non e' successa, mentre sulla base del Regolamento europeo in questione alcuni Stati membri hanno ammesso a livello nazionale la commercializzazione di qualche specie di insetto in un regime di "tolleranza", e gli stati membri che ne hanno ammesso la commercializzazione prima del 1 gennaio 2018 possono continuare a mantenerle sul loro mercato.

"A differenza di quanto previsto dal precedente Regolamento (CE) 258/97 - ricorda il ministero nella circolare - l'autorizzazione di un novel food deve essere richiesta ora alla Commissione europea, seguendo le linee guida recentemente pubblicate dall'Efsa. Resta fermo che il novel food puo' essere immesso in commercio solo dopo il rilascio dell'apposita autorizzazione, alle condizioni stabilite dalla stessa. Cio' premesso, si fa presente che ai fini dell'impiego alimentare gli insetti e i loro derivati si configurano tutti come novel food e che al momento nessuna specie di insetto (o suo derivato) e' autorizzata per tale impiego"

in data:16/01/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo