Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » La Forchetta Dispettosa » Dopo la retrocessione Michelin il Gambero Rosso rimette in pista Cracco. Tre Forchette allo chef di Creazzo

La Forchetta Dispettosa

Dopo la retrocessione Michelin il Gambero Rosso rimette in pista Cracco. Tre Forchette allo chef di Creazzo

Dopo la retrocessione a una stella Michelin Carlo Cracco ritorna in pista con il Gambero Rosso che con la guida 2019 assegna allo chef le Tre Forchette con l‘augurio di un buon lavoro dopo l’apertura del sontuoso ristorante aperto recentemente in Galleria Vittorio Emanuele. Insomma un bel regalo per inizio attività.  Il cuoco di Creazzo  è pronto nuovamente a scalare le classifiche delle guide enogastronomiche (Vicenza)  stando per il momento in buona compagnia  in questa nuova edizione della pubblicazione della Città del Gusto: nel capoluogo lombardo sono confermati con le Tre Forchette  il Seta del Mandarin Oriental Milano di Antonio Guida , il ristorante Berton di Andrea Bertone ed Enrico Bartolini Mudec Restaurant, naturalmente di Enrico Bertolini.

Per il resto è sempre la Grande Milano, città plurimedagliata dal punto di vista morale e virtuale santificata dal Gambero come area urbana innovativa sull’onda lunga dell’Esposizione Universale in un gioco di parole e luoghi comuni che ultimamente fanno curriculum. Ecco quindi che la mappa ristorativa nell' area metropolitana e regione troviamo confermati D’O a Cornaredo, Ilario Vinciguerra a Gallarate, Da Vittorio a Brusaporto, Dal Pescatore a Canneto sul’Oglio, Miramonti L’Altro di Concesio in provincia di Brescia.

Per la prima volta invece un Tre Cocotte (premio riservato ai migliori bistrot) in città va a Pisacco. Sei le insegne premiate con i Tre Gamberi, riconoscimento riservato alle migliori trattorie, e tre i locali che si aggiudicano i Tre Mappamondi ovvero le migliori espressioni di cucina etnica.  Infine i premi speciali sono stati assegnati come Miglior servizio di sala al D’O di Cornaredo; il miglior servizio di sala in albergo al Vun Andrea Aprea dell’Hotel Park Hyatt Milan, la miglior proposta di vini al bicchiere al ristorante Enrico Bartolini Mudec Restaurant e al wine bar Champagne Socialist.

                                                       Gianluca Pacella

 

                                                                                                                                   

 

 

 

 

in data:08/06/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo