Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Trend & Mercati » Scende l'indice dei prezzi alimentari. In calo i prodotti lattiero-caseari

Trend & Mercati

Scende l'indice dei prezzi alimentari. In calo i prodotti lattiero-caseari

I prezzi dei prodotti alimentari sono scesi in ottobre trainati dai prodotti lattiero-caseari, registrando una media del 27% inferiore al loro livello massimo raggiunto all'inizio del 2011.  L'indice dei prezzi alimentari della Fao ha segnato una media 176,4 punti, un calo dell'1,3% rispetto a settembre, ma ancora il 2,5% più alto rispetto all'anno scorso.  L'Indice dei prezzi alimentari della Fao è un indice ponderato su base commerciale che misura i prezzi di cinque principali materie prime alimentari sui mercati internazionali.

L'indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari è diminuito del 4,2%, registrando il primo calo dal mese di maggio. Le quotazioni internazionali del burro e del latte intero in polvere sono scese, con gli importatori hanno sospeso gli acquisti in attesa di nuove forniture dall'Oceania, mentre la scarsa domanda e le ampie scorte d'intervento nell'Unione Europea hanno fatto calare i prezzi del latte scremato in polvere.

Anche l'indice dei prezzi degli oli vegetali è sceso, dell'1,1% rispetto al valore di settembre, conseguenza del calo dei prezzi chiave dell'olio di palma e di quello di soia, diminuiti per le positive prospettive della produzione.

L'indice dei prezzi dello zucchero è diminuito dello 0,7%, influenzato dall'indebolimento della moneta brasiliana - il più grande esportatore - e dalle prospettive di una più ampia produzione di barbabietole nell'UE e nella Federazione Russa.

L'indice dei prezzi della carne è diminuito dello 0,9%, poiché un'intensificata concorrenza tra gli esportatori di carni suine, combinata con una domanda fiacca d'importazioni, ha minato le quotazioni internazionali.

L'indice dei prezzi cerealicoli è aumentato dello 0,4% in conseguenza dei prezzi più elevati del riso, anche se le quotazioni del grano sono state in genere più basse.

in data:02/11/2017

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo