Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » "Corleone by Lucia Riina", la figlia del padrino apre il ristorante a Parigi

Agronews

"Corleone by Lucia Riina", la figlia del padrino apre il ristorante a Parigi

Il locale, al 19 Rue Daru, propone cucina italiana a pranzo e cena. L'insegna verde dell'esercizio riporta lo stemma della località siciliana

Roma- Una tenda verde con su scritto 'Corleone by Lucia Riina', una facciata in legno e ampie vetrate. E’ questa  l’immagine del ristorante che Lucia Riina, l'ultimogenita del boss Totò Riina, morto il 17 novembre 2017 in carcere, ha aperto a Parigi. Indirizzo 19 Rue Daru per il ristorantino aperto a pranzo e cena e in cui gustare tipica cucina italiana. L'insegna verde riporta lo stemma di Corleone, un leone rampante con un cuore.

La figlia del padrino corleonese, ancora residente nel grosso centro del Palermitano, da alcuni mesi non si vede più in paese. E su Facebook Lucia Riina, che sui social ha anche una pagina in cui espone i suoi quadri, il 30 novembre ha postato alcune immagini di Parigi con su scritto "Autunno a Parigi... e vita nuova". A Corleone, nel regno che fu del capo dei capi, resta solo l'anziana madre, Ninetta Bagarella. Giovanni e Salvuccio, infatti, sono in carcere e l'altra figlia del padrino corleonese, Concetta, vive da tempo in Puglia.

in data:09/01/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Food delivery, fatturato a 350 milioni di euro nel 2018, + 69%

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo