Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Alimentare, confronto sulle fake news sui cibi

Agronews

Alimentare, confronto sulle fake news sui cibi

Dal web alla tavola, la lotta alle 'bufale' (le notizie false, non le mozzarelle) si sposta nel campo dell'agrolimentare. Come quelle in ambito scientifico, anche le fake news sui cibi sono molto diffuse in Rete. E non solo. Per imparare a distinguerle e a combatterle, la Fondazione Fico ha deciso di sostenere un evento ad hoc. Il 21 settembre a Conversano, in provincia di Bari, e' in programma il meeting 'Fake doc-dominazione di origine (in)controllata', che mettera' a confronto giornalisti, esperti e produttori. "Noi imprenditori siamo le prime vittime di cattiva informazione e fake news", afferma Teresa Diomede, ceo di Racemus e promotrice dell'evento. Tra i relatori, rappresentanti del Cicap e dei portali Butac, FreshPlaza e Lercio. Il meeting e' stato presentato oggi a Bologna nella sede di Fico-Eataly world.
"Il 18% delle fake news che circolano in Rete sono sul cibo", sottolinea Nick Difino, food-hacker e coordinatore dell'evento.

La ricaduta economica delle 'bufale' sul mercato e sulle aziende e' pero' ancora tutta da calcolare. "Un punto percentuale in meno sui consumi dell'ortofrutta vale 300 milioni di euro- afferma Duccio Caccioni, coordinatore scientifico della Fondazione Fico- sono cifre pesanti, e' un business incredibile". Le fake news possono anche essere strumento di "marketing sporco", afferma Caccioni, citando il caso del quotidiano inglese The Guardian, che l'anno scorso pubblico' un articolo che accusava il Prosecco italiano di far venire le carie ai denti. Oppure c'e' "cattiva informazione" su sostanze e alimenti per cui, accanto a chi segue diete particolari per motivi di salute, ci sono "tanti che lo fanno per disinformazione". E cosi' accade che "nell'ultimo anno sono calati i consumi di latte e pane, in favore di prodotti alternativi. A volte viene il sospetto che dietro ci sia anche qualcuno che ci gioca sopra", afferma Caccioni.

in data:12/09/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo