Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Bencò: Dna di Calabria per un menu che ha nella pasta fatta a mano la marcia in più

L'indirizzo

Bencò: Dna di Calabria per un menu che ha nella pasta fatta a mano la marcia in più

Il ristorante, aperto nella zona Prati di Roma, propone una cucina italiana con "deviazioni" dedicate alla regione del Sud della penisola

Roma- Se amate la pasta fatta a mano il posto che fa per voi è Bencò, ristorante dal Dna calabrese al 100% con la voglia di stupire e stuzzicare gli appetiti con un menù tradizionale italiano. Collocato nella borghese zona Prati di Roma (Via Fabio Massimo 101) ad alta concorrenza ristorativa,  Bencò trova il suo punto di forza in una coppia proprietaria composta da zio e nipote, Arturo Converso e Manuel Bennardo e sulla lavorazione della pasta fatta a mano da Gennaro Pernìce, chef prescelto del ristorante che nel suo insieme proporrà all’ospite una carta che alterna mare e terra.  Il locale, brandizzato con la crasi dei nomi dei proprietari, può vantare nel curriculum la consulenza dello chef pluripremiato e docente di cucina mediterranea Paolo Cappuccio.

Lo chef Gennaro Pernìce, dopo essersi cimentato nelle avventure ristorative nel locale Perpetual di Roma,  presenterà agli avventori del ristoranti non solo piatti italiani, ma anche quelli che richiamano la Calabria con ingredienti che valorizzano la regione. Tra questi il rosso Petraro della Val di Neto utilizzato per brasare il guanciale soffice, la spalla di maialino nero calabro cotta a bassa temperatura o la liquirizia Amarelli di Corigliano – Rossano per impreziosire il soffice di cioccolato con cuore di cioccolato bianco e la polvere dell’inimitabile oro nero. Tra i primi piatti del locale da 35 coperti si possono odinare, per citarne alcuni, delizie come le fettuccine con la coda di manzo (condimento che  omaggia Roma),  i tortelli di zucca e mostarda alla pera, gli spaghetti ruvidi alla polpa di riccio, broccolo invernale e pomodoro confit e il  riso carnaroli riserva Salera al nero di seppia, crudo di gambero rosso al lime.  Quanto alla proposta enologica la carta propone una selezione di circa 70 etichette custodite nella cantina che si trasforma una saletta privata per degustazione da massimo 10 persone.

in data:21/02/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion