Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Emotional eating: gli italiani si consolano con il cibo per combattere l'ansia da Covid

Agronews

Emotional eating: gli italiani si consolano con il cibo per combattere l'ansia da Covid

Uno studio rivela che con il lockdown aumentano ansia, insonnia e depressione. La metà degli intervistati ha trovato conforto negli alimenti golosi, stuzzicanti, sostanziosi

Roma- Il 55% degli intervistati (in particolare donne) ha mangiato di più e un 48% si è buttato sul comfort food. E’ stata questa la prima reazione degli italiani per sentirsi meglio e per superare ansia, stati depressivi, insonnia e ipocondria derivanti dalla “eredità” emotiva lasciata dai lockdown. Lo segnala Assolatte citando i risultati di un’indagine condotta dalla Sinu (Società italiana di nutrizione umana). Viene segnalato il pensiero dei  nutrizionisti della Sinu – i quali sostengono che l’ampio ricorso all’”emotional eating”, determinato dal bisogno di reggere il peso psicologico del Covid-19, può provocare importanti conseguenze sullo stato di salute delle persone a cominciare dall’aumento di peso e dal peggioramento generale del profilo cardiovascolare

LAssociazione Italiana Lattiero Casearia commenta chenelle situazioni difficili e stressanti, come quella provocata dalla pandemia di Covid-19, la reazione più comune è cercare conforto in cibi golosi, stuzzicanti, sostanziosi. Alimenti che gratificano ma che spesso provocano quasi una dipendenza, e nel cui consumo è difficile fermarsi a dosi moderate. Uscire da questa spirale, beneficiando della gratificazione data dal cibo, si può, spiega Assolatte: basta scegliere gli alimenti che danno piacere e che aiutano anche a controllare il peso e a rimanere in forma. Come i prodotti lattiero-caseari, che contengono sostanze “alleate” della linea (come calcio, fermenti e sieroproteine) e che hanno effetti positivi sul metabolismo dei grassi e sul microbiota.

in data:02/11/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno