Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Farina Kitchen, pizzeria-cucina che vince con il Pagnottello

L'indirizzo

Farina Kitchen, pizzeria-cucina che vince con il Pagnottello

All'insegna del brand Farina Pick Your Kind Luigi Beninati fa salire a quattro il numero dei locali aperti: tre a Roma e uno in Spagna

Roma- Fa poker Luigi Beninati con l’apertura di "Farina Kitchen" (Ergisto Bezzi, 31), quarto locale che segue "Farina Tiburtina", "Farina Lab" (zona Libia) e "Farina Malaga" in Spagna . All’insegna del brand  Farina Pick Your Kind la formula dell’ultimo aperto a Roma nella centralissima zona di Trastevere punta però su alcune varianti del Pagnottello, panino icona del format ristorativo che basa la sua forza sulla proposta pizzeria-cucina. Il prodotto è realizzato con una lievitazione  a 72 ore, una  farina forte, integrale o speciale come quella a base di carbone vegetale.  E' farcito con ingredienti made in Italy, soprattutto campani e pugliesi. La cottura è a legna. 

Il panino da Farina Kitchen si può ordinare con ragù alla genovese e scaglie di pecorino romano Dop (Radici), con scarola napoletana (Donna Maria), con patate cacio e pepe, pomodorini cotti a legna, pancetta coppata croccante e ricottina di bufala (Black Sabbat). Nel menù ci sono poi il  Trinacria (pesce spada piastrato, pesto alla trapanese, songino e pomodoro verdone) e il Baby Pork (sfilaccio di maialino, demi-glace di mele, patata schiacciata e salsa verde).   Nel carniere ci sono inoltre altri  29 Pagnottelli, tra quelli classici stagionali (presenti in tutti i locali Farina), integrali e dolci. 

Non manca la possibilità di scegliere una proposta di  primi piatti, otto in tutto di cui sei a base di pasta fresca homemade. In carta anche  quattro tipologie di focacce Kitchen gourmet, dieci pizze napoletane cotte a legna (5 rosse e 5 bianche) e fritti, tra cui patatine artigianali tagliate a mano. A disposizione del cliente anche insalate e diversi taglieri di mare e di terra . Chiudono i  dolci di produzione propria  o provenienti da Napoli. Sul fonte beverage  disponibile una selezione di birre ed una carta dei vini che conta oltre 50 etichette da tutta Italia.

                                                                                                                                           Gia. Pac.

in data:04/11/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo