Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Filz Spiedini&Cocktails: mix di pop italiano e internazionalità

L'indirizzo

Filz Spiedini&Cocktails: mix di pop italiano e internazionalità

Apre a Milano il locale interamente dedicato allo spiedinato. La proposta gastronomica va dalla carne al vegetariano. Invidiabile la carta dei cocktails

Milano-La proposta è di quelle che intrigano. Ma anche la storia dei proprietari ha il suo perché. Nel capoluogo lombardo del dopo Expo e delle ultime tendenze arriva il locale da street food tutto dedicato allo spiedino dalla connotazione internazionale per le esperienze degli imprenditori:  tre pugliesi di nascita trapiantati nella città meneghina con lunghe esperienze di lavoro in Asia e Africa e un passato  di famiglia da produttori di costumi da mare. Il locale, sorto nell’ambiente precedentemente occupato da un Kebab, è nella zona di Porta Romana e precisamente in Largo delle Crocetta, 1. Aperto tutti i giorni ad esclusione della domenica Filz Spiedini&Cocktails ha nella sua arma di seduzione una proposta gastronomica di 30 diversi spiedini che vanno dalla carne al pesce per arrivare ai vegetariani con una lista Cocktails invidiabile per un prezzo totale che non supera i 6,50 euro per il solo spiedino.

Gli spiedini sono tutti preparati seguendo la stagionalità degli ingredienti e possono essere ordinati singolarmente alla carta o in combinazione. Tra gli spiedini più particolari sicuramente la rana pescatrice abbinata al fungo cardoncello, il cuore e il friggitello che incontra la salsa di miso, lo gnocco di riso orientale con pera, zola e barbabietola, e il “tiramiskewer”(tiramisù allo spiedo).  Dodici invece i cocktails in carta proposti.

Il locale, che si propone come una via di mezzo tra un fast quality food e una bottega all'italiana,  è  ispirato ai soda shop degli anni ’50. Protagonista dello spazio ristorativo è un  bancone amaranto realizzato con piastrelle artigianali fatte a mano e profilato in ottone con 23 sgabelli imbottiti. Realizzato in stile pop italiano Filz è rappresentato inoltre da parete cipria a pois amaranto firmata Le Corbusier  con il risultato di presentare  Filz in maniera elegante senza essere troppo  classico, ma con aspetti  vintage che non arrivano mai a toccare il retrò.

Gianluca Pacella

in data:20/02/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo