Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Food: è il momento del poke hawaiano

Food Mania

Food: è il momento del poke hawaiano

La ricetta, dopo aver spopolato sulla West coast americana, ora si sta diffondendo in tutto il mondo. Anche da noi è una delle proposte più in dell’estate

Roma-  E' il piatto tradizionale delle Hawaii chiamato poke  l’ultima e più recente tendenza in fatto di piatti crudi di mare. Attraversato il Pacifico, questa ricetta- segnala The Fork-  ha spopolato dapprima sulla West coast americana e ora si sta diffondendo in tutto il mondo e anche da noi è una delle proposte più in dell’estate.
 
La sua preparazione- si spiega in una nota-  è abbastanza semplice: il piatto consiste infatti in una preparazione di pesce freschissimo servito crudo dopo esser stato marinato in un mix di spezie esotiche, solitamente in una ciotola o coppettina. Nella versione tradizionale i cubetti di pesce (salmone, branzino o – come vuole la tradizione – tonno) vengono fatti macerare con salsa di soia, olio di sesamo, sale marino e erba cipollina. Ma ci sono anche numerose varianti che prevedono l’utilizzo di peperoncino, alghe, avocado, noci tostate e così via. La fantasia non ha limiti in questo caso, tanto che in alcuni ristoranti hawaiani si preferisce la formula fai da te: i clienti possono comporre il proprio piatto come desiderano scegliendo dagli ingredienti disposti a buffet. L’importante è che il pesce sia tagliato a cubetti, in una rivisitazione della nostra tradizionale tartare: il termine poke stesso, infatti, nella lingua hawaiana significa “affettare, tagliare a pezzettini”.
 
Anche il mondo della ristorazione si sta adeguando a questa nuova tendenza: se a Londra fra i primi in Europa a importare questa ricetta è stato l’Ahi Poke (il nome si riferisce alla variante con tonno pinna gialla), anche in Italia si stanno affacciando le prime realtà.
 

in data:08/08/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo