Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta » Gli italiani si scoprono “seafood lovers”. Il Paese è tra i primi consumatori di prodotti ittici

Filiera Corta

Gli italiani si scoprono “seafood lovers”. Il Paese è tra i primi consumatori di prodotti ittici

Il trend emerge dalla ricerca di Marine Stewardship Council sulle abitudini, percezioni, motivazioni nell’acquisto di pesce

Roma- Il 95% degli italiani sono consumatori abituali, soprattutto al Sud e nelle Isole (97%) seguiti da Nord Est e Centro (entrambi 94%) e Nord Ovest (93%).  Il 44% dei consumatori possono invece essere identificati come  “seafood lovers” ponendo il  Paese ai primi posti come percentuale di appassionati di prodotti ittici, seguiti da Francia e Svezia e ben distanti dalla media globale (34% seafood lovers). E’ quanto emerge dalla ricerca di Marine Stewardship Council realizata in collaborazione  con GlobeScan  all’inizio del 2018 sui consumatori di prodotti ittici investigando alcuni temi fondamentali: abitudini, percezioni, motivazioni nell’acquisto e sensibilità verso la sostenibilità.

Dall’analisi emerge inoltre che il consumo di prodotti ittici è prevalentemente domestico (79% dei consumatori domestici consumano pesce almeno una volta a settimana), quello fuori casa è occasionale: una volta al mese o una volta ogni pochi mesi. Viene segnalato inoltre che i consumatori italiani acquistano pesce al supermercato (84% degli intervistati) ma rimane rilevante anche il mercato locale e la pescheria. La tipologia di prodotto ittico più acquistata è il fresco ancora di più per i seafood lovers, seguito dall’inscatolato e dal surgelato. Tra le principali motivazioni di acquisto dei prodotti ittici, al primo posto c’è la freschezza; al secondo, la necessità di essere certi che il prodotto sia sicuro per la salute; al terzo, che esso giovi alla salute. Ma gli italiani sono anche interessati a sapere da dove vengono i prodotti che mangiano, e pertanto, a seguire, citano la tracciabilità come uno dei principali criteri di acquisto. Anche la sostenibilità è presente tra le motivazioni ma non ancora ai primissimi posti come avviene in altri Paesi.

in data:08/06/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo