Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Magazzino Scipioni, oltre al vino c'e' di più

L'indirizzo

Magazzino Scipioni, oltre al vino c'e' di più

Il ristorante del quartiere Prati di Roma alza la posta migliorando la ricerca della materia prima in cucina ed elevando a un “pedigree” superiore i piatti suggeriti e serviti agli ospiti.

Roma-  Easy nell’accoglienza e nell’ospitalità, ma ricercato nel proporre il proprio menù con piatti ben elaboratati e realizzati dal giovane chef Valerio Mattaccini. Nel quartiere Prati di Roma si va a consolidare e perfezionare l’avventura ristorativa di Magazzino Scipioni (Via degli Scipioni, 30). Il locale, nato alcuni anni da uno stabile degli anni Venti con un passato da magazzino e poi da torrefazione, mantiene il suo Dna con la sua confermatissima offerta di qualità enologica mediante un wine bar dedicato, ma alza la posta migliorando la ricerca della materia prima in cucina ed elevando a un “pedigree” superiore i piatti suggeriti e serviti agli ospiti.

Ecco quindi che una tappa gourmet a Magazzino Scipioni può essere fatta non soltanto se ci si trova per turismo o per altri motivi nella zona della Capitale che racchiude in pochi chilometri  San Pietro, Borgo Pio e non distante dalla centralissima  via del Corso e da Piazza di Spagna.   Insomma un pit stop che diventa  obbligatorio se si pensa che oltre alla buona proposta enologica ci si può riposare davanti a taglieri selezionati e piatti del calibro di un delizioso risotto con  gamberi, zafferano e cenere di cipolla o con zafferano e liquirizia accompagnati da pane, focacce e pan brioche. Felice anche la scelta dessert con la  mousse di gianduia o lo zabaione con gelatina di visciola, crumble al cacao e nocciole tostate.

                                                                                                                                         Gianluca Pacella

in data:01/05/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Per gli 80 anni di Batman il dolce lungo un metro e mezzo del maître chocolatier Davide Comaschi