Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Parmigiano Reggiano Experience: la dop va a caccia dei viaggi del gusto

Agronews

Parmigiano Reggiano Experience: la dop va a caccia dei viaggi del gusto

L’obiettivo del progetto è quello di sviluppare un “prodotto turistico” strutturato in grado di intercettare la crescente domanda, italiana e mondiale legata all'enogastronomia

Roma- Nasce Parmigiano Reggiano Experience, l’offerta di turismo enogastronomico della Dop. L’obiettivo del progetto è quello di sviluppare un “prodotto turistico” strutturato in grado di intercettare la crescente domanda, italiana e mondiale, legata ai viaggi del gusto.  Gli interessi enogastronomici per i prodotti tipici e l’agroalimentare del Made in Italy muovono, da soli, 1 turista su 4, il 22,3% dei turisti italiani ed il 29,9% degli stranieri (Ufficio studi Enit su dati Unioncamere-Isnart 2019). Secondo Unwto, il turismo enogastronomico sarà, inoltre, fondamentale nella ripresa dell’intero settore e la chiave per rilanciare lo sviluppo economico locale provato dall’attuale crisi.

Le potenzialità- spiega una nota-  del progetto Parmigiano Reggiano Experience trovano riscontro anche nei numeri: nell’arco degli ultimi tre anni le visite in caseificio sono aumentate del + 54,1% arrivando a 168.000 nel 2019 (fonte dati: Consorzio Parmigiano Reggiano).  Gli ospiti provengono per la maggior parte dall’estero: il 21% dagli USA, il 10% dalla Francia, l’8,5% dalla Germania, il 4,6% dal Regno Unito e il 17% da altri paesi. Nel complesso, la compagine estera rappresenta il 61% delle visite. Gli italiani rimangono ad ogni modo i primi fan del Parmigiano Reggiano, rappresentando da soli il 39% dei visitatori totali.

Sui 321 caseifici produttori di Parmigiano Reggiano, sono circa un centinaio quelli che oggi ricevono visite. Di questi, 34 caseifici organizzano autonomamente visite e degustazioni mentre i restanti si appoggiano alle sezioni del Consorzio oppure a guide turistiche per offrire un’esperienza ottimale. Numeri significativi ma i margini di crescita sono ampi.

in data:14/10/2020

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno