Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Superfood: nessuna proprietà miracolosa. Solo benefici salutari

Food Mania

Superfood: nessuna proprietà miracolosa. Solo benefici salutari

A dare una interpretazione al valore dei prodotti è la prima guida della collana FoodMythBusters, che, in collaborazione con il team scientifico di NutriMI, spiega i più noti

Roma- Non esiste alcuna definizione ufficiale e non c’è una linea di demarcazione netta tra cosa è un superfood e cosa non lo è. Solitamente, il termine indica alimenti particolarmente ricchi di nutrienti, minerali e vitamine, e/o di antiossidanti e composti bioattivi, a cui sono attribuiti particolari benefici per la salute. A tentare di dare una interpretazione al valore dei prodotti superfood è la prima guida della collana FoodMythBusters, che, in collaborazione con il team scientifico di NutriMI, spiega i ‘superfood’ più noti

 Dall’avocado allo zenzero, dalla curcuma ai mirtilli, sono diversi- spiegano i ricercatori-  gli alimenti insigniti del titolo di superfood. Alcuni di questi, curcuma e zenzero, ad esempio, non vantano concentrazioni rilevanti di vitamine o minerali ma piuttosto la presenza di composti bioattivi, ovvero sostanze che possono influenzare positivamente la salute dell’uomo e contribuire alla prevenzione di alcune malattie. Altri ‘superalimenti’ si distinguono- sostengono ancora, non solo per la presenza di composti bioattivi, principalmente antiossidanti, ma anche perché ricchi di nutrienti ‘classici’, quali acidi grassi, minerali e vitamine. È questo- aggiungono- è il caso di avocado, bacche di goji, mirtilli, kale, noci, semi e spirulina: alcuni tra i più famosi superfood oggi disponibili sul mercato. Viene precisato inoltre che non c’è nessun dubbio sul fatto che i nutrienti e le sostanze che caratterizzano questi alimenti possono vantare proprietà importanti per la salute, sostenute da studi scientifici. A mancare è, però, una conclusione che sia solida e rigorosa e che confermi effettivamente i tanti benefici sull’uomo attribuiti al consumo dei singoli superfood.

“Il superfood non esiste: nessun alimento è ‘miracoloso’. Ogni alimento- commenta Carlotta Lassandro, nutrizionista del team Nutrimi e autrice dell’indagine. fa parte di una dieta nel suo insieme e da cui è difficile separare l’effetto del singolo. È vero, alcuni alimenti- incalza-  hanno una composizione particolare che può renderli più ‘super’ (non necessariamente migliori) di altri ma è la qualità dell’intera dieta a farla da padrone: non superfood, ma ‘superdieta’. E nella ‘superdieta’ ogni alimento, purché consumato nelle giuste quantità, può apportare qualcosa di ‘utile’ e contribuire alla salute dell’individuo”.

in data:02/02/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion