Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Agronews » Tartufo: volano i consumi grazie a un'estate complice

Agronews

Tartufo: volano i consumi grazie a un'estate complice

Scende del 44% il prezzo all'hg per pezzatura media di 20 gr per effetto della pioggi massiccia nel periodo caldo che ha favorito la moltiplicazione del tubero

Roma- Il prezzo  all'hg per pezzatura media di 20 gr era l’8 ottobre del 2017 di 450 euro per il tuber,o oggi è di 250 euro. E’ quanto si legge nel borsino del Centro nazionale del tartufo e confermato anche da analisi di mercato di Coldiretti che parla di un calo di prezzo del 44%. L’organizzazione agricola  spiega l’andamento nelle condizioni climatiche favorevoli di una estate in cui è caduto il 56% in più di pioggia che ha permesso la moltiplicazione del piu’ prezioso frutto dell’autunno facendo volare i consumi.

Dal Piemonte alle Marche, dalla Toscana all’Umbria, dall’Abruzzo al Molise, ma anche nel Lazio e in Calabria sono numerosi – sostiene la Coldiretti – i territori battuti dai ricercatori. Si stima che siano coinvolti complessivamente circa duecentomila raccoglitori ufficiali che riforniscono negozi e ristoranti ed alimentano un business che comprensivo di indotto sviluppa un valore stimato in circa mezzo miliardo di euro tra fresco, conservato o trasformato anche grazie alla grande capacità di attrazione turistica ed enogastronomica

in data:04/10/2018

Cerca

Multimedia

  • video

    Food delivery, fatturato a 350 milioni di euro nel 2018, + 69%

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo