Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo » Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo

L'indirizzo

Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo

A Roma ristorante al femminile propone cucina internazionale e piatti capitolini e italiani prendendosi licenza poetica

Una centrifuga di sapori di qualità che gioca sull’asse Roma-Shangai ma che attraversa Valencia  e ha Dna in Puglia. Il risultato è un’innovazione oltre i limiti in cucina confortata dalla sensibilità e animo femminile. Ambassador di un’esperienza gastronomica che farà girare la testa, nel bene o nel male anche ai più arditi dei gastrofighetti, è una Cacio e pepe iodata con brodo di anguilla affumicata, bottarga e zest di limone o Dumpling di coda alla vaccinara,  realizzata e pensando a Shangai da un  “duo rosa” e dal loro Untitled 53 (Via del Monte della farina, 53- Roma)  che stenderà in positivo, con molta probabilità, anche i più fondamentalisti e puritani della cucina autentica romana. 

Artefici nella Capitale della new entry ristorativa sono due amiche e compagne di viaggio, Cecilia Moro(chef) e  Mariangela Castellana  (wine lover) e momentaneamente ex avvocato con la responsabilità della Sala. Ad aiutarle nell’impresa il sous chef Andrea Riva. 

La proposta del ristorante, situato del centro di Roma a pochi passi da Campo de' Fiori, ha il filo conduttore nella filosofia del “para compartir”, ovvero del condividere i piatti a tavola. A tavola dunque solo piccoli assaggi (“morsetti”) in formato tapas ma anche la possibilità di porzioni intere con possibilità di scegliere quindi un  Viaggio breve (35 euro)  o un Percorso della Chef, che spazia fra piatti di carne, pesce e verdure (50 euro).

Nel menu, in linea con una scelta internazionale e che tocca anche il Giappone, si puà trovare un  Carciofo alla Giudia con matcha, alici e ajoli  o una trasformazione della cucina tradizionale italiana con una proposta dei piemontesi   Agnolotti dePlin al tovagliolo ripieni di sugo laziale all’amatriciana.  Non mancano però per i nostalgici classici Carbonara o le selezioni golose come il Tagliere dei salumi e quello dei formaggi con una fuga in Francia per i lattiero-caseari.  In carta sono poi presenti piatti di pesce come il Salmone Upstream teriyaki flambè, rapa rossa, mela Granny Smith e kefir oppure il Tacos con polpo, patata, paprika e la sua maionese Tra i dolci invece  protagonista indiscusso è il Tiramisù scomposto, senza dubbio “autorevole” nella sua proposta e degustazione.  Importante anche la proposta di birra e vino.

Il locale è  di 24 coperti ma  non molto si aggiungerà lo spazio del dehors, che ne accoglie una quindicina.  E presente inoltre una saletta da massimo 6 persone al piano inferiore, che sarà riservata a piccoli eventi privati. (Gia. Pac.)

in data:11/02/2022

Galleria Fotografica

  • Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Alici del Cantabrico, Burro della Normandia Demisel, Pan Brioche ai 3 agrumi
  • Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata
  • Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Tacos di Polpo, Patata, Paprika e la sua Maionese

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Untitled 53, il cuore oltre l'ostacolo- Patas bravas Rivisitata

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno