Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania » Vino: il brindisi diventa "di genere"

Food Mania

Vino: il brindisi diventa "di genere"

Il bere, secondo il neuromarketing, ha una sua connotazione a seconda del sesso di chi lo degusta

Roma- Secondo il neuromarketing, anche il vino diventa di genere e ha una sua connotazione a seconda del sesso di chi lo degusta. Uomini e donne, due binari di scelta differenti, che indirizzano abitudini di consumo non più appannaggio del mondo maschile come un tempo, basti pensare che, secondo l’Istat, il 40% delle donne beve vino, percentuale in netta crescita rispetto 38% del 2014. Trend inverso per gli uomini, scesi al 64.1% rispetto al 65.7% dello stesso anno. Le donne risultano decisive per orientare le campagne di comunicazione anche per altre evidenze numeriche: in Italia il 67% del vino in Gdo è acquistato da loro. Non solo: la loro “avanzata” riguarda anche il mondo enologico professionale, tanto che le sommelier hanno ormai superato il 40% del totale.

Ma quali sono le bottiglie più amate da queste due categorie oggi? Secondo l’indagine di neuromarketing pubblicata recentemente su Tre Bicchieri, settimanale economico del Gambero Rosso, se gli uomini si concentrano su pochi dettagli tecnici in etichetta, le donne sono più attirate da bottiglie caratterizzate da colori, forma e  messaggio che si fanno notare. Anche il grado alcolico è un fattore selettivo al femminile.  Se i signori dunque si rivelano invece più tradizionali, prediligendo anche bottiglie classiche e intramontabili, le signore amano sperimentare e si fanno conquistare da elementi di narrazione del prodotto più modaioli e creativi. Essere attratte dall’immagine, però, non significa fermarsi a quella. Secondo la ricerca, infatti, le donne tendono a informarsi sul prodotto (ad esempio sui siti o leggendo le etichette in tutte le loro parti) non accontentandosi degli aspetti più immediati e superficiali del primo impatto.  

in data:04/06/2019

Cerca

Multimedia

  • video

    Grimbergen, i monaci tornano a produrre birra dopo 220 anni

  • foto

    Bistrot 4.5, il valore aggiunto è l'ingrediente speciale

  • video

    ‘Diamoci un taglio, beviamoli in purezza’, due giorni di full immersion