Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta

Filiera Corta

  • Latte Uht, prodotto lattiero-caseario più acquistato nel 2017

    Nella classifica di Assolatte seguono mozzarella e latte fresco. La spesa degli italiani per i prodotti del settore è stata di 6,5 miliardi di euro

    14/05/2018 14:44

    Il latte Uht è Il prodotto lattiero-caseario per cui gli italiani hanno speso di più nel 2017: con i suoi oltre 961 milioni di euro di vendite, genera quasi il 15% di tutto il giro d’affari dell’intero settore lattiero-caseario. Se l’Uht è il n.1 assoluto del settore “dairy”, al terzo posto della graduatoria per vendite troviamo un altro tipo di latte, quello fresco, che l’anno scorso ha sfiorato i 715 milioni di euro, con una quota vicina all’11% del totale del lattiero-caseario. Dunque, sottolinea Assolatte, tra Uht e fresco, il latte si conferma un caposaldo della spesa degli italiani per il food e arriva a generare oltre il 25% delle vendite complessive di prodotti lattiero-casearie realizzate dalla Gdo in Italia. L’anno scorso gli italiani hanno speso oltre 6,5 miliardi di euro in ipermercati, supermercati e negozi di libero servizio per comprare prodotti lattiero-caseari segnala inoltre l’ Associazione Italiana Lattiero Casearia citando una ricerca esclusiva condotta dal Centro di ricerca su Retailing e Marketing (REM Lab) dell’Università Cattolica di Milano.

  • Frutta esotica: italiani sedotti da avocado e mango

    Il trend positivo del consumo emerge dal Tropical Fruit Congress svolto a Macfrut. Aumenti per i due prodotti del 31% e 62%

    13/05/2018 15:32

    Sedotti dai frutti esotici. Crescono in Italia i consumi di avocado e mango. Il trend emerge dal Tropical Fruit Congress svolto nel corso dell’ultima edizione del Salone internazionale dell’ortofrutta Macfrut (9-11 maggio). La crescita è a doppia cifra e conferma il loro inserimento nel “paniere” Istat : il consumo di avocado in Italia nel 2016 è stato di 13.000 tonnellate, con un +31% sul 2015. La media procapite è di 0,23 kg a testa, tra le performance- si spiega in una nota- migliori del Continente (Fonte Wao, Organizzazione Mondiale dell’avocado). Il consumo di mango è stato 9000 tonnellate (anno 2016), +62% sul 2012.

  • Consumo di pollo sempre al top. Nei gusti degli italiani è il preferito

    Il consumo pro-capite è salito a 15,48 Kg pro-capite, in aumento dello 0,7% rispetto alla soglia dei 15,33 Kg raggiunta l’anno precedente

    04/05/2018 10:42

    Al pollo gli italiani non rinunciano. La passione è certificata da Unione nazionale delle filiere della carni e delle uova (Unaitalia). Nel 2017- secondo i dati ufficializzati- il consumo pro-capite di questa carne è salito a 15,48 Kg pro-capite, in aumento dello 0,7% rispetto alla soglia dei 15,33 Kg raggiunta l’anno precedente. In leggero calo invece il consumo delle altre specie avicole: nel 2017, infatti, sono stati consumati complessivamente 20,92 Kg di carni bianche pro-capite, dato sostanzialmente stabile con le performance raggiunte nel 2016, quando i consumi avevano raggiunto la soglia dei 21,01 Kg.

  • Raddoppiata in 10 anni l’offerta di extravergine 100% italiano sugli scaffali della Gdo

    Il consumatore, nonostante i bisogni emergenti, ricerca qualità, gusto e origine secondo un'indagine Ismea

    17/04/2018 18:39

    Negli ultimi dieci anni è cambiato sugli scaffali della Grande distribuzione organizzata (Gdo) lo spazio a disposizione dei diversi oli: si è ridotto quello dedicato all’olio di oliva (dall’1,7% del 2008 allo 0,5% del 2017 sul lineare), ed è aumentato quello dedicato all’olio Evo 100% italiano (dal 13,3% al 26,6%) e a quello Dop-Igp (dal 10,6% al 12,9%). Il consumatore, nonostante i bisogni emergenti – ricerca la qualità, il gusto, l’origine, ecc. e mostra ancora una notevole confusione nei confronti del prodotto, non riuscendo a identificare le differenze tra le tipologie (extravergine, vergine, ecc.) o l’esatta provenienza (regionale, italiana, comunitaria, ecc.). Questo si traduce in più tempo speso per la scelta davanti allo scaffale (il 59% resta da 2 a 5 minuti, rispetto al 33,8% del 2008), a indicare la voglia di capire meglio.

  • Contrordine sui sacchetti della spesa. Cancellato l'obbligo d'acquisto nei supermercati

    Le buste potranno essere comprate anche al di fuori degli esercizi commerciali purchè "conformi alla normativa sui materiali a contatto con gli alimenti

    05/04/2018 11:15

    Semaforo verde del Consiglio di Stato ai sacchetti monouso nuovi acquistati dai consumatori al di fuori degli esercizi commerciali purchè "conformi alla normativa sui materiali a contatto con gli alimenti". E' quanto prevede il parere reso dal Consiglio di Stato sull'utilizzo dei sacchetti di plastica monouso in caso di acquisto di frutta e verdura, pubblicato il 29 marzo.

  • Sale la spesa delle famiglie per l'acquisto di acqua minerale

    L’Istituto di statistica, fornendo un quadro di sintesi delle principali statistiche sulle risorse idriche, segnala che l'incidenza della spesa per acqua minerale su quella alimentare passa dal 2,9% del 2008 al 2,4% del 2016

    22/03/2018 19:32

    E’ di 10,75 euro nel 2016 la spesa media mensile per l'acquisto di acqua minerale in Italia con un incremento del 4,7% rispetto al 2015 e di un +8,6% rispetto al 2014 dopo la contrazione del periodo 2008-2014 (-27,1%). E’ quanto segnala Istat in occasione della Giornata mondiale dell'acqua, istituita dall'Onu e celebrata ogni anno il 22 marzo. L’Istituto di statistica, fornendo un quadro di sintesi delle principali statistiche sulle risorse idriche, segnala inoltre che l'incidenza della spesa per acqua minerale su quella alimentare passa dal 2,9% del 2008 al 2,4% del 2016, e dallo 0,5% allo 0,4% sulla spesa media totale familiare.

  • Dopo cinque anni tornano a crescere i consumi alimentari delle famiglie italiane

    E' quanto emerge da un rapporto AgrOsserva di Ismea relativo all’ultimo trimestre dell’anno. Lo studio parla complessivamente di bilancio positivo per l’agroalimentare italiano nel 2017

    14/03/2018 17:17

    Il 2017 sarà ricordato soprattutto per la netta ripresa dei consumi alimentari delle famiglie italiane, che dopo 5 anni di stallo, fanno finalmente registrare un segno più di un certo peso (+3,2%). E’ quanto emerge dal rapporto AgrOsserva di Ismea relativo all’ultimo trimestre dell’anno. Lo studio parla complessivamente di bilancio positivo per l’agroalimentare italiano nel 2017, sebbene il settore si sia dovuto misurare con le difficili condizioni meteo.

  • Pausa caffè: sono sempre di più gli italiani che preferiscono il distributore automatico al bar

    Tra i motivi la mancanza di tempo, i cambiamenti negli stili di vita e delle abitudini alimentari, le comodità e qualche piccolo risparmio

    11/03/2018 18:08

    Il tradimento è compiuto o quasi. Sono sempre di più gli italiani che fanno la loro pausa caffè davanti a un distributore automatico e non comodamente seduti a un tavolo di un bar. Il motivo: mancanza di tempo, cambiamenti negli stili di vita e delle abitudini alimentari, comodità e perché no, qualche piccolo risparmio. I dati del settore confermano il trend in crescita, quasi 5 miliardi di consumazioni (4 miliardi e 960 milioni) nel 2016 sono state infatti erogate dalle cosiddette "vending machine" per un fatturato di 1,83 miliardi di euro

  • Bianchi, spumanti e doc i vini preferiti dagli italiani

    E' quanto emerge dalla ricerca elaborata per Vinitaly dall'istituto di ricerca Iri sui consumi nella Grande distribuzione nel 2017

    07/03/2018 20:39

    Vini bianchi fermi, vini a denominazione d'origine, vini regionali, spumanti secchi. Sono i vini preferiti dagli italiani nel 2017. I rossi più richiesti provengono da Toscana, Emilia Romagna, Piemonte. I bianchi più richiesti da Veneto, Trentino, Sicilia. E' quanto emerge dalla ricerca elaborata per Vinitaly (Verona, dal 15 al 18 aprile) dall'istituto di ricerca Iri sui consumi di vino nella Grande distribuzione nel 2017. Gli italiani hanno acquistato 648 milioni di litri nella Grande distribuzione, il canale di vendita principale del vino, per un valore che vede il traguardo dei 2 miliardi di euro (1 miliardo e 849 mila milioni di euro), dati inclusivi dei Discount.

  • L'olio extravergine ottiene la fiducia dei consumatori italiani

    Il 68% della survey realizzata da Doxa per Pietro Coricelli considera molto importante la provenienza e ritiene, nel 67% dei casi, importante trovare indicazioni in merito all’utilizzo

    02/02/2018 16:02

    C’è ancora speranza per l’olio extravergine made in Italy nonostante l’alta concorrenza del tarocco e dei bassi prezzi praticati all’interno delle catene della grande distribuzione. Secondo una survey che l’azienda olearia Pietro Coricelli ha commissionato a Doxa per indagare il comportamento e la conoscenza sul tema dell’olio il 72% degli italiani consuma più di 1 litro di olio al mese, il 44% dispone di 3 bottiglie di olio contemporaneamente, il 98% dichiara di avere in casa olio extra vergine, 68% olio di semi e il 18% olio di oliva. La spesa media per l’acquisto di un litro d’olio si attesta su €5,5 mentre il 63% degli intervistati dichiara di comprare olio biologico.

Pagina 2 di 81

Naviga tra le pagine

  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. 6
  7. 7
  8. 8
  9. 9
  10. 10
  11. 11
  12. 12
  13. 13
  14. 14
  15. 15
  16. 16
  17. 17
  18. 18
  19. 19
  20. 20

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo

AgroSpeciali