Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Filiera Corta

Filiera Corta

  • L’hamburger di chianina conquista McDonald’s

    Dal 13 novembre, grazie ad un accordo siglato dalla Filiera Agricola Italiana Spa con Inalca del Gruppo Cremonini e la catena americana, in distribuzione 40mila panini al giorno di carne di alta qualità

    20/10/2013 12:02

    Saranno in vendita dal 13 novembre i panini con l’hamburger di carne piemontese e chianina Igp. L’ingresso sul mercato del prodotto è stato possibile grazie ad un accordo siglato dalla Filiera Agricola Italiana Spa associata alla Coldiretti con Inalca del Gruppo Cremonini. In programma la distribuzione di circa 40mila panini al giorno. La novità commerciale è stata presentata al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio. La distribuzione sarà garantita da McDonald’s Italia. La collaborazione prevede la fornitura di carne di alta qualità proveniente dagli allevamenti italiani di vitelloni delle due famose razze autoctone situati nelle Regioni del centro e del nord Italia sottoposti a regole precise per quanto riguarda l’alimentazione e garantiti dal marchio Igp

  • Sempre meno pane nelle case degli italiani

    Nel corso di questo anno- rileva uno studio Coldiretti- è stata servita in tavola meno di una fetta a pasto per persona. Il prezzo medio mostra una incredibile variabilità tra diverse città: dai 2,01 euro al chilo di Napoli ai 4,65 di Venezia

    19/10/2013 15:36

    Nel 2013 è stata servita in tavola meno di una fetta di pane a pasto (o una rosetta piccola) per persona. Il consumo è sceso al minimo storico dall’Unità d’Italia. Un trend così negativo è registrato per la prima volta nella storia degli italiani. A segnalarlo è lo studio “Il pane quotidiano nel tempo delle rinunce” promosso e presentato dalla Coldiretti al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio

  • Addio al negozio di fiducia. Ora la spesa è solo low cost

    Secondo l'indagine su “La percezione della crisi e il Made in Italy” realizzata da Coldiretti-Ixe’ il 47 per cento degli italiani si reca in diversi esercizi commerciali per acquistare il prodotto che cerca dove costa meno

    18/10/2013 13:02

    Quasi la metà degli italiani (47%) dice addio al negozio di fiducia per recarsi in diversi esercizi commerciali e acquistare il prodotto che cerca dove costa meno, magari aiutati da internet e volantini sui quali è guerra nel pubblicizzare offerte speciali e sconti. A segnalarlo è la prima indagine su “La percezione della crisi e il Made in Italy” realizzata da Coldiretti-Ixe’ a ottobre 2013, e illustrata nel corso del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione a Cernobbio

  • Più pizzerie e meno ristoranti, la cena fuori casa è sempre più dettata dallo scontrino

    Dall'ultima ricerca dell'Ufficio studi di Fipe emerge che gli italiani non rinunciano a mangiare fuori dalla propria abitazione, ma scelgono soprattutto menù low cost

    15/10/2013 15:20

    Cresce il numero degli italiani che escono fuori a cena. L’ultima analisi"P.E. 24h La Cas@ fuoricasa", dell’Ufficio studi della Federazione italiana pubblici esercizi (Fipe) segnala che nel 2012 sono stati settantatre i miliardi di euro spesi tra bar, ristoranti e take away, pari al 35% della spesa alimentare. Sempre piu' amata la colazione al bar (1,5 mld di consumazioni all'anno), in calo la pausa pranzo mentre, appunto, cresce il numero degli italiani che escono fuori a cena preferendo le pizzerie ai ristoranti, dove lo scontrino e' decisamente piu' basso.

  • Addio a bignè, babà, cannoli, sfogliatelle di pasticceria. Ora il dolce si fa in casa

    La Coldiretti, sulla base dati Istat relativi al periodo 2007 – 2012, rileva un calo degli acquisti del 10%. Per mantenere l'aria di festa in tavola gli italiani mettono le "mani in pasta"

    13/10/2013 17:46

    Taglio del 10 per cento per bignè, babà, cannoli, sfogliatelle o dolciumi vari. Secondo analisi Coldiretti il tradizionale appuntamento con il dolce nel weekend italiano perde terreno. L’organizzazione, sulla base dati Istat relativi al periodo 2007 – 2012, rileva che si sta assistendo un profondo cambiamento nelle abitudini consolidate nell’identità nazionale provocato dalle difficoltà economiche

  • Biologico, il nostrano piace di più

    Secondo un sondaggio di Aiab, Legambiente e Coldiretti il prodotto importato ha meno estimatori di quello italiano: il 63% dei consumatori dichiara di acquistarlo solo in mancanza dell’equivalente tricolore, mentre il 20% proprio non lo considera

    12/10/2013 13:05

    Il mercato del biologico, nonostante il perdurare della crisi, sembra procedere a gonfie vele. L’ultima conferma di una buona, se non ottima condizione di salute del settore, emerge da un sondaggio Aiab, Legambiente, Coldiretti diffuso nella recente manifestazione Biodomenica 2013. Ad oggi, con oltre 49,7 mila operatori impegnati nella produzione biologica per poco meno di 1,2 milioni di ettari di terreno, il mercato del biologico italiano vale 3,1 miliardi di euro, facendo dell’Italia – dicono gli operatori- una delle protagoniste del settore a livello mondiale

  • Birra: italiane al vertice mondiale per il consumo

    Il gentil sesso della penisola -secondo una ricerca di Assobirra- è il primo acquirente al mondo. Una su quattro ammette di preferirla al vino.

    11/10/2013 11:54

    Sono le donne italiane le prime consumatrici di birra al mondo. A rilevarlo è una ricerca di Assobirra. Lo studio segnala che su undici Paesi il gentil sesso del Belpaese non ha rivali. Circa il 60% di loro- si spiega in una nota - dichiara di consumare la nota bevanda alcolica e 1 su 4 ammette di preferirla al vino.

  • Il capriccio gastronomico non passa di moda

    L'indagine 'Inflaction Impact Survey' che Nielsen ha condotto a livello mondiale nell'arco del primo semestre 2013 segnala che il 64% degli italiani non è disposto a rinunciare alle golosità

    10/10/2013 10:04

    Il 69% degli italiani, contro una media europea del 59%, si dichiara pronto a risparmiare sull'abbigliamento, ma ben due terzi, il 64% contro la media europea del 58%, non sono propensi a rinunciare ai capricci gastronomici. Un italiano su due, il 48% in linea con il resto d'Europa, dichiara di fare la spesa piu' spesso per avere cibo fresco in base alle necessita'. Il valore del carrello, in termini di freschezza e qualita', resiste alla crisi. Questo emerge dall'indagine 'Inflaction Impact Survey' che Nielsen ha condotto a livello mondiale nell'arco del primo semestre 2013

  • Alimentare, ecco i motivi per i quali si butta il cibo

    Dal rapporto 2013 di Knowledge for Expo e Waste Watcher emergono i 9 spreco-tipo italiani. La motivazione più comune è relativa alla scadenza

    09/10/2013 16:11

    Uno spreco alimentare settimanale per famiglia calcolato tra 4,81 ai 13 euro. Il dato emerge dal rapporto 2013 di Knowledge for Expo e Waste Watcher che ha indagato sulle cause degli sprechi in modo da progettare e promuovere policies di comportamento efficaci a favorire la riduzione concreta dello spreco. Lo studio ha individuato una segmentazione di 9 spreco-tipi italiani, rilevati secondo motivazioni che gli intervistati hanno indicato come cause primarie nella pratica del ''buttare via del cibo''

  • L'ortofrutta bio seduce Italia, Francia e Germania

    Nonostante l'andamento dei consumi del comparto segua andamenti diversi nei tre Paesi si registra una maggiore attenzione per il biologico e per una ricerca di prodotti sani e sicuri

    05/10/2013 14:51

    Segue trend differenti in Italia, Francia e Germania il consumo di frutta e verdura. L’attenzione per l’ortofrutta è però molto alta in tutte e tre gli Stati. A rilevarlo è un'analisi effettuata nell’ambito del progetto Fruitylife - “Frutta e verdura, sana e sicura”, progetto co-finanziato dall'Unione europea e dal ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e coordinato da Alimos-Alimenta la Salute.

Pagina 41 di 90

Naviga tra le pagine

  1. 31
  2. 32
  3. 33
  4. 34
  5. 35
  6. 36
  7. 37
  8. 38
  9. 39
  10. 40
  11. 41
  12. 42
  13. 43
  14. 44
  15. 45
  16. 46
  17. 47
  18. 48
  19. 49
  20. 50
  21. 51

Cerca

Multimedia

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 4 luglio

  • foto

    Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, sesto centro profesionale. Aprono Le Serre - Botanical Garden Restaurant

  • video

    Tg Agricoltura. Edizione 27 giugno

AgroSpeciali