Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo

L'indirizzo

  • "Contesto Urbano", formula all-day-long per una cucina espresso tipicamente romana

    Apre a dicembre, nel quartiere S. Giovanni di Roma, il locale dei fratelli Andrea e Marco Tenaglia. Il ristorante, distribuito su due livelli in 135 mq complessivi, è operativo sin dalla mattina con un servizio di caffetteria

    25/11/2014 16:38

    E’ tutto ancora da scoprire, ma le premesse non mancano per diventare uno dei punti di riferimento della Capitale. Apre a dicembre nel quartiere S. Giovanni (Via Gallia 51-53), in pieno clima natalizio“Contesto Urbano”, locale voluto e desiderato dai fratelli Andrea e Marco Tenaglia. La formula ristorativa scelta è quella all-day-long segnata da una cucina espressa e la possibilità di ordinare da bere e mangiare nelle diverse ore della giornata. Al centro della proposta culinaria un menù ricco di ingredienti di prima qualità orientato alla cucina della tradizione romana con un lieve tocco contemporaneo

    Video
  • Meatbar de Milan, il gusto della carne in tutte le sue declinazioni

    Il locale, aperto a Milano in Via Solferino, propone un menù ricco di specialità pregiate di tutto il mondo. Nel menù birre artigianali e vini biologici

    08/11/2014 14:24

    Per gli amanti della carne è senza dubbio una tappa obbligatoria. Qui si possono trovare tutti i piatti delle principali cucine internazionali, dalle chicken wings e ribs americane all'orientale thai soup, dal panino con pastrami ai burritos sudamericani, senza tralasciare snacks sfiziosi come le bitterballen olandesi o il crostone con salsiccia mantovana cruda e provola e gli immancabili hamburgers di black angus e di pollo alla brace, da completare a proprio piacimento con condimenti ideati per ogni palato. Ma quello che conta di più è sapere che la carne al Meatbar de Milan è selezionata e lavorata con passione in tutte le sue declinazioni

  • "QKing", il corestaurant dove cucinano i clienti

    Sbarca a Milano, in zona Bovisa, il primo locale in affitto che unisce business e solidarietà. L'attività ristorativa finanzierà con il 5 per cento del ricavato aiuti umanitari e progetti di sviluppo attraverso Oxfam, Ngo di rilevanza mondiale

    07/10/2014 12:59

    E' l’unico ristorante dove a cucinare sono i clienti. Dopo l’idea, già sperimentata con successo a Firenze nella versione “Usodicucina”, sbarca a Milano, zona Bovisa (Via Tartini), QKing Corestaurant. Il locale è nato dalla volontà imprenditoriale di Tommaso Colombini e da un progetto di trasformazione dell’ex ristorante brasiliano Copacabana pensato e realizzato da Luca Romagnoli e Marco Zuttioni dello studio di architetti di Modourbano.

  • "Napoli 1820", un'altra esperienza di gusto sbarca a Milano

    La pizzeria-ristorante dello chef Rosario Izzo apre in Alzaia Naviglio Grande. A un prezzo medio da 17 a 27 euro propone un prodotto realizzato unicamente con prodotti freschi e di stagione, quotidianamente in arrivo dal capoluogo campano

    04/10/2014 13:14

    Gli elementi ci sono tutti: tradizione e cultura partenopea. L’obiettivo è molto ambizioso: essere la migliore pizza mai passata per i ristoranti di Milano. L’esperienza e la capacità di unire alla storica “semplicità“ del piatto napoletano la raffinatezza di piatti che entrano con dirompenza nella cucina contemporanea dovrebbero invece garantire il risultato. “Napoli 1820. Pizza e cucina d’autore” apre nel cuore della movida meneghina e precisamente in Alzaia Naviglio Grande, 62

  • "Sangallo", una sinfonia di lussuriosa bontà

    Il ristorante, situato in via dei Coronari, nel pieno centro di Roma, propone un viaggio sensoriale da interpretare come un abbraccio continuo di sapori rappresentato da piatti realizzati con un’ oculata attenzione alle materie prime

    20/09/2014 15:00

    Di meglio è difficile trovare. E per crederci bisogna solo sedersi a tavola e cominciare a gustare. Mangiare al Sangallo ai Coronari, nel pieno centro di Roma (Via dei Coronari, 180), è infatti un’esperienza unica per tutti i gourmet e semplici appassionati della buona cucina. Il ristorante offre un viaggio sensoriale da interpretare come un abbraccio continuo di sapori rappresentato da piatti realizzati con un’ oculata attenzione alle materie prime e ai prodotti biologici a Km 0

  • "Berberè - craft pizza & beer", in primo piano la qualità e l’artigianalità del cibo pop

    Arriva a Firenze il locale dei fratelli Salvatore e Matteo Aloe con l'obiettivo di proporre una pizza di alta qualità, stagionale, buona da mangiare e frutto di ricerca continua

    17/09/2014 18:13

    Probabilmente è destinato a far parlare di sé molto nei prossimi mesi. Con un’offerta davvero smart e una carta di pizze selezionate è nato a Firenze, nel cuore di Borgo San Frediano, Berberè - craft pizza & beer (Piazza De’ Nerli 1), il locale che coniuga l'amore per la slow pizza alla passione per le birre artigianali prodotte da piccoli birrifici indipendenti con la finalità di mettere in primo piano la qualità e l’artigianalità del cibo pop italiano

  • “Fries”, l'imbarazzo della scelta

    Nata a Roma, nella zona del Vaticano, la prima patatineria italiana. Il locale propone patatine fritte accompagnate da trenta salse differenti. Solo made in Italy la materia prima

    13/09/2014 13:37

    Non c’è che l’imbarazzo della scelta. Ci sono di tutti i gusti. L’olio è garantito e l’origine delle patate è di una qualità che da sicurezza. Non rimane che provare. A Roma, zona Vaticano con vista sul Cupolone, è nata “Fries” (via di Porta Cavalleggeri, 19) , la prima patatineria italiana che già promette di fare scintille nel mondo dello street food. Realizzato sulla falsariga di un format del Nord Europa dove da tempo esistono banchetti, camioncini itineranti o piccoli locali di patatine fritte, il localea dopera, per friggere esclusivamente olio di arachide made in Italy e patate tricolori

  • “Il Convito di Curina”, autentico viaggio sensoriale

    Il ristorante dell’Hotel Villa Curina Resort, situato a 9 Km da Siena , propone una cucina toscana reinterpretata attraverso le contaminazioni culturali e l’esperienza acquisita all’estero da Giorgio Trovato

    03/08/2014 15:20

    Se volete essere sicuri di fare un autentico viaggio sensoriale l’indirizzo che vi raccomandiamo è toscano e precisamente è senese. Il locale? “Il Convito di Curina” (Strada Provinciale 62, Castelnuovo Berardenga). La sicurezza di mangiare bene e di alta qualità è assicurata dall’executive chef Giorgio Trovato che vi propone una cucina che racchiude i sapori e la storia della tradizione culinaria della regione reinterpretati attraverso le contaminazioni culturali e l’esperienza acquisita all’estero dal Maestro cuoco d'origine calabrese

  • "Persé", la tranquillità di gustare il buon cibo

    Il ristorante di Valerio Sità, situato a Milano all’ingresso del Parco Sempione e fuori dallo stereotipo modaiolo , propone un menù curato nella materia prima che interpreta la tradizione mediterranea con un buon rapporto qualità prezzo

    19/07/2014 15:30

    Arredato in modo squisito con quel tocco di hipster e di milanese vintage colto, chic e nonchalant, potrebbe intimorire e far pensare all’ennesimo locale carino-alla-moda dove l’abbinamento cuscini/pavimento è più curato della scelta delle materie prime in cucina. Non è così. Persé (Via Agostino Bertani, 16 - angolo via Melzi D’Eril), locale situato all’ingresso del Parco Sempione e accanto all’Arco della Pace di Milano, vuole essere tutt’altro che il ristorante “cool” del momento, anzi

  • "Bistrot 64", un mix di sapori romano-nipponici per vincere la sfida del rapporto qualità-prezzo

    A distanza di un anno dalla sua apertura entra nella squadra del locale romano di via Calderini il giapponese Kotaro Noda, chef stellato con alle spalle uno stage al Noma di Copenhagen e collaborazioni con Heinz Beck e Gualtiero Marchesi

    28/06/2014 16:20

    Lo avevamo lasciato chef, ora lo troviamo Direttore del Bistrot 64. Emanuele Cozzo non finisce di stupire. Dopo aver aperto insieme ad alcuni soci questo angolo da appassionati gourmet nel vecchio, antico e residenziale quartiere romano del Flaminio, il giovane chef-imprenditore , ad un anno dall’apertura, ha cambiato le carte in tavola facendo entrare nella partita lo chef giapponese Kotaro Noda, stella Michelin e già Maestro di Alta cucina presso l’ Enoteca la Torre di Viterbo

Pagina 15 di 18

Naviga tra le pagine

  1. 5
  2. 6
  3. 7
  4. 8
  5. 9
  6. 10
  7. 11
  8. 12
  9. 13
  10. 14
  11. 15
  12. 16
  13. 17
  14. 18

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo

AgroSpeciali