Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » L'indirizzo

L'indirizzo

  • Caffè Propaganda: cucina e cocktails nel segno dell'avanguardia

    Riapre, dopo una pausa lavori, il locale di Bistocchi, Quattrini Caracciolo che dal 2001 fa tendenza a Roma. I capitani dell'avventura lo chef Fabio Pecelli e il bar manager Patrick Pistolesi

    28/04/2017 17:14

    Cool lo è sempre stato, ma questa volta supera se stesso. Con i suoi tradizionali grandi finestroni alla newyorchese che danno sulla strada che sfocia alle spalle del Colosseo Caffè Propaganda (Via Claudia, 15) si ripropone alla città di Roma, dopo una pausa per restyling, più fashion di prima, modaiolo quanto basta. Il mood, dopo il periodo di chiusura per lavori, è però Avanguardia contemporanea con l’idea di coinvolgere i suoi ospiti in un mondo di alchimie alcoliche e di una cucina rigorosa e personale. Ancora una volta artefici della nuova versione del locale destinato a far parlare di se e a fare tendenza sono Maurizio Bistocchi, Daniele Quattrini ed Edoardo Caracciolo, già patron dell’esercizio di somministrazione fin dall’apertura avvenuta a fine del 2011.

  • Solo Crudo sogna in grande: una catena internazionale e subito un’apertura sulla piazza meneghina

    Il bistrot , punto di riferimento per la cucina naturale, propone un menù fusion che è un mix di Asia e Sud America senza trascurare la tradizione della cucina mediterranea

    27/04/2017 19:35

    Nella Capitale non è certo più una novità. Per tutti gli estimatori del naturale e della cucina crudista il punto di approdo per eccellenza da circa un anno e mezzo a questa a parte è “Solo Crudo. Juice Bar and Raw Food” (via Federico Cesi, 22). Il bistrot, nato inizialmente nel quartiere Parioli dalle ceneri del Grande Black Pab, Bar e poi trasferito nella zona Prati da un’ intuizione di marketing sulle potenzialità di questo settore, con molta probabilità ora sarà clonato ed esportato a Milano. Il countdown dell’apertura nel capoluogo milanese partirà dal mese di settembre. Intanto non vengono escluse possibilità di portare il format all’estero con l’obiettivo di trasformare il progetto in qualcosa di più grande: farlo diventare una catena internazionale. Insomma le prospettive sembrano alte e ambiziose supportate dal successo che riscuote l’attività ristorativa guidata in cucina dallo chef Riccardo Rossetti con esperienze nel ristorante “Kitcho”, tre stelle Michelin di Kyoto.

  • Ai Giardini Paprika e Cannella, cucina mediterranea con il pensiero alla Sardegna

    A Milano, nella zona centrale di Porta Venezia, si può mangiare dell'ottimo pesce fresco. Imperdibile l'antipasto "mare crudo"

    23/04/2017 11:12

    Secondo Jean Brunhes “mangiare è incorporare un territorio”, ed è quello che succede quando ci si affida all'offerta culinaria di Davide Paderi e Giovanna Taddei, lui in sala e lei in cucina, un ottimo connubio di cucina sarda a Milano. La zona è la centrale Porta Venezia, l'ambiente è gradevole e il pesce freschissimo: Davide a giorni alterni si rifornisce al famoso mercato ittico milanese, dove è risaputo che arriva il miglior pescato in Italia. Ricette semplici della cucina mediterranea e con qualche accenno sardo, ci si mette subito a proprio agio con la gradita focaccia calda di benvenuto.

  • I Vitelloni, all day long extra large all’insegna di Fellini

    Stefano e Mauro Delli Ficorelli rinnovano lo storico locale romano di Via Amiterno unendo in uno spazio di 700 metri quadrati tutti i loro format ristorativi presenti sulla strada della zona di San Giovanni

    08/04/2017 14:29

    Da tre a uno, ma molto extra large per una dimensione di 700 metri quadrati articolati sue due piani. La nuova meta romana dei piaceri capitolini è una vecchia conoscenza per la città che si è rifatta il trucco dopo anni di onorata carriera ristorativa sotto la guida dei fratelli Stefano e Mauro Delli Ficorelli che tuttora rimangono al timone del locale di Via Amiterno,42/60 vicino a piazza San Giovanni in Laterano. Ma veniamo al punto. Il ristorante, di 250 coperti totali tra quelli di sala e quelli esterni e sotto l’insegna “ I Vitelloni”, è il frutto della fusione delle attività di proprietà che erano presenti in via Amiterno: ‘RicominciodaTre’, pizzeria nata nel 1998, “I Vitelloni”, bisteccheria del 1990 e ‘La Tellina’, ristorante di solo pesce del 2009. La novità e il risultato dell’operazione estetica? Un all day long, aperto tutti i giorni dalla mattina presto alla sera tardi

  • Yugo, la forza è nella normalità dello chef

    Il ristorante, dall'estetica tipicamente newyorchese, continua a rimanere un punto di riferimento a Roma per quanto riguarda la cucina asiatica. Il locale è guidato dal giovane chef Massari con la supervisione dello stellato Genovese

    04/04/2017 14:40

    Oltre all’alto livello culinario garantito dalla supervisione di un due stelle Michelin vale la pena di provarlo solo perché in cucina non si trova un residente chef dal look hipster, ma un cuoco super normale, anzi forse un po’ troppo timido. E di questi tempi non è poco visto il presidenzialismo mediatico degli chef. Non seguace delle tendenze, anomalo per il comportamento non da divo e per sua stessa amissione privo di tatuaggi Andrea Massari, classe’85, è dunque il volto e l’anima di Yugo, fusion bar romano (Largo Angelicum 2) nato dalla volontà dallo stellato Anthony Genovese (Il Pagliaccio) e di Maddalena Salerno e Marco Del Vescovo, imprenditori e ideatori di format e realtà food&beverage come Mézzi e Colbert Villa Medici e di Riccardo Sargeni e Gianluca Sette, soci di locali romani come CoHouse Pigneto e Terrazza San Pancrazio.

  • Iodio, esperienza a tutto tondo sul pesce di qualità

    Il ristorante romano dello chef Patrizio Alunni Tullini propone dalla A alla Z un menù totalmente ittico con una materia prima che proviene quasi esclusivamente dal mare laziale

    24/03/2017 18:46

    Una full immersion di pesce e un’esperienza a tutto tondo per chi è ancora a digiuno di ittico laziale. A proporre un menù tutto dedicato al pescato di Anzio e Terracina, ridenti località balneari del litorale vicino alle città di Roma e Latina è lo chef Patrizio Alunni Tullini con il suo “Iodio”, ristorante nato una anno fa dalle ceneri di una ex casa cantoniera presente al civico 503 della Via Ostiense della Capitale e soggetta a progetti di ampliamento nell’imminente futuro. Insomma un’oasi della qualità del pesce che alle volte esce dal confine laziale andando a scegliere e cercare la materia prima nella vicina Toscana, ad Orbetello in provincia di Grosseto.

  • Spiazzo, il bello della pizza è nel contemporaneo

    Con una formula a spicchi la pizzeria dei fratelli Mattaccini offre un prodotto realizzato con ingredienti freschi e molto apprezzato dai romani perchè friabile, leggero e croccante

    01/03/2017 17:26

    E’ il posto giusto per godersi una serata in compagnia e in maniera informale mangiando pizza di qualità accompagnata da un ottimo fritto e da birre artigianali nazionali e internazionali. Insomma bella e piacevole perché non ha l’ambizione di essere gourmet, ma semplicemente contemporanea. Tutto questo è “Spiazzo” (Via Antonio Pacinotti 83), pizzeria romana dalle materie prime ricercate e dalla voglia di rompere gli schemi. Ecco quindi che una volta seduti a tavola il divertimento non viene sicuramente a mancare sapendo soprattutto che è possibile fare una degustazione di più tipi di pizza visto che la “leccornia” è servita a spicchi, modalità quest’ultima da essere il vero marchio di fabbrica del locale voluto dai fratelli Fabio e Alessio Mattaccini

  • Frie 'N' Fuie, Milano scopre il "fritto democratico" del Masaniello contemporaneo

    Apre nel capoluogo lombardo lo street food di Vincenzo Di Fiore. Nel menù polpette, zeppoline, mozzarelle in carrozza, frittatine, arancini, crocchè, patatine, pizza fritta. L'attività sarà affiancata da VesYouVio

    24/02/2017 11:35

    Soltanto perché intende proporre un “fritto democratico” merita una sosta approfondita. Ma i motivi per scegliere Frie 'N' Fuie (Via Spontini,4 ) non si risolvono squisitamente in un semplice encomio. Sarebbe riduttivo. Sarà infatti la qualità e l’idea di presentare la cucina napoletana in chiave street food che appassionerà i milanesi e che incanterà anche il più scettico. A parlare saranno la maestria dello chef e le ricette della Campania in un mix di semplicità e tradizione per un totale di 50 referenze. Insomma Vincenzo Di Fiore, napoletano doc con una visione internazionale, amante della propria terra e cosmopolita, consulente d'azienda e food manager e gourmand e anima dell’attività, è pronto a stravolgere gli appetiti del capoluogo lombardo mettendo le vesti di un Masaniello contemporaneo convinto dal concetto che “le rivoluzioni spesso derivano dall'esigenza di ritrovare vecchie tradizioni”.

  • Faro. Luminari del caffè: lo “specialty” è di rigore

    Aperta a Roma nella zona di piazza Fiume una caffetteria integralmente dedicata al prodotto certificato e raccolto a mano seguendo criteri di qualità e tracciabilità. A indicare la strada della Third Wave of Coffee Fociani, Felicetta e Spadavecchia

    17/02/2017 19:29

    Si candida ad essere il punto di riferimento romano e metropolitano della Third Wave of Coffee. E se il buongiorno si vede dal mattino le premesse ci sono tutte per centrare l’obiettivo. Il più ora sembra superato, ma di strada ancora c’è da fare, soprattutto nell’impresa di convincere i capitolini che può valere la pena di spendere anche 4 euro per un caffè di assoluta qualità, il cosiddetto “specialty” della giornata che viene proposto da Dario Fociani e Arturo Felicetta in collaborazione con Dafne Spadavecchia, fondatori di “Faro. Luminari del caffè” (Via Piave, 55), Caffetteria Specialty collocata nella zona di Piazza Fiume dallo stile nordico e luogo ideale dove condividere idee e passioni

  • Nik’s&Co, il proibito è nei sapori del Sud Italia

    Nelle vicinanze della Stazione Centrale di Milano nasce il locale ispirato al proibizionismo americano. Ideatori del progetto tre ingegneri startuppari e un socio ristoratore

    09/02/2017 12:44

    Ha l’anima nella razionalità e nella ricerca di tre ingegneri startuppari prestati alla ristorazione e il cuore nella voglia di uscire fuori dalle righe richiamandosi al concetto del proibito e alla contrazione di “Nixed”, "forbidden”. L’atmosfera di Nik’s&Co. Pepper & Drink (Via Schiaparelli 14 angolo Via Copernico), bistrot nelle vicinanze della Stazione Centrale di Milano e prossimo alla fermata della metro Sondrio, è invece quella dello spazio temporale che spazia dagli anni 30 agli 60 con un’architettura vintage che non guasta mai in un tempo dove alle volte la velocità del moderno porta a cancellare le memoria di quello che è stato a favore di nuove e moderni stili di vita super tecnologici. La ricetta è dunque, in una città sempre più all’avanguardia nella bella Italia, è quella di un ritorno al passato in un contesto tipicamente urbano caratterizzato da alti palazzi che ci proiettano nella realtà newyorkese.

Pagina 7 di 18

Naviga tra le pagine

  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. 6
  7. 7
  8. 8
  9. 9
  10. 10
  11. 11
  12. 12
  13. 13
  14. 14
  15. 15
  16. 16
  17. 17
  18. 18

Cerca

Multimedia

  • video

    Il Maestro Pupi Avati evoca la sacralità della tavola e ricorda la centralità del cibo

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    Spreco alimentare, il consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp invita al riuso creativo

AgroSpeciali