Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania

Food Mania

  • Dal Nord al Sud, ecco il food style dei prossimi dodici mesi scelto per voi

    In un’intervista incrociata che attraversa tutta l’Italia la redazione del quotidiano online ha formulato una carta dei migliori, dei piatti più interessanti e delle scoperte più clamorose

    03/01/2017 14:27

    La redazione di AgroalimentareNews si è trovata l’ultimo giorno dell’anno per decidere, da nord a sud, quali saranno le nuove tendenze per l’anno 2017 e quali sono state le cene da premiare, i piatti più interessanti, le scoperte più clamorose. Gianluca Pacella, il direttore, racconterà del centro e sud Italia; Camilla Rocca, della redazione di Milano, il nord. Un’intervista incrociata che attraversa tutta l’Italia con domande a brucia pelo e risposte sorprendenti.

  • Le mete culinarie che non ti aspetti: Perù, Cuba, Vietnam e Madeira. Le nuove tendenze viaggi 2017

    La fotografia è scattata da CartOrange, una tra le più grandi aziende italiane di consulenti di viaggio, specialista in viaggi personalizzati ed esperienziali, che da sempre seleziona in tutto il mondo tante “chicche” per i viaggiatori foodies

    02/01/2017 11:30

    Nelle vacanze degli italiani il cibo è sempre più protagonista, al proverbiale amore per il mangiar bene oggi abbinano anche tanta curiosità per le cucine del resto del mondo. È la tendenza fotografata da CartOrange, una tra le più grandi aziende italiane di consulenti di viaggio, specialista in viaggi personalizzati ed esperienziali, che da sempre seleziona in tutto il mondo tante “chicche” per i viaggiatori foodies: «Le esperienze che mettono al centro cibo sono sempre più richieste dai nostri clienti –conferma Silvia Romagnoli, Travel Stylist di CartOrange–. C’è una grande voglia di scoprire i sapori autentici dei luoghi, per esempio assaggiando lo street food, ma non solo

  • San Silvestro, scendono in campo i bartender per la notte più lunga dell'anno

    Per la sera del 31 dicembre una selezione di esperti del beverage propongono le loro ricette per trascorrere una felice festa

    29/12/2016 12:43

    Cocktail per le feste per accendere il capodanno con il giusto ritmo: ma chi l'ha detto che non si possano creare degli ottimi cocktail anche a casa? Per stupire amici e parenti, ma anche solo per degustare un ottimo cocktail senza dover per forza uscire e sgomitare per ottenerlo, proprio l'ultimo giorno dell'anno: ecco le ricette che vi permetteranno di realizzarlo!

  • Il panettone a Natale non può mancare. Meglio se artigianale. Ecco i migliori

    Il dolce tipico delle feste piace e non solo a Milano, tanto che se ne producono di buoni in tutta Italia. Ne abbiamo scelti alcuni dopo averne degustati più di 50 alla manifestazione Tenzone Panettone

    24/12/2016 19:25

    La leggenda più accreditata vuole che, alla vigilia di Natale, il capocuoco della cucina di Ludovico il Moro bruciasse il dolce preparato per il banchetto ducale. Lo sguattero Toni sacrificò il panetto di lievito madre che aveva tenuto per sé. Lo lavorò a più riprese con farina, uova, zucchero, uvetta e canditi, fino ad ottenere un impasto soffice e assai lievitato. Ottenne un ottimo risultato tanto che Ludovico il Moro dette al dolce il nome di Pan de Toni. Probabilmente, in origine, il panettone era solo un grosso pane, infornato senza l’utilizzo di uno stampo. Fu Angelo Motta a cambiare la storia del dolce meneghino. Nei primi del 900, decise di arricchire di grassi il panettone, fasciandolo con carta paglia, per dargli uno slancio verticale. A rendere celebre il panettone concorse anche Alemagna, che sperimentò la lievitazione naturale. Ma come deve essere il panettone artigianale o industriale?

  • Non sarà solo il Natale della tradizione. Crescono i Christmas Light Dishes

    Per cene e cenoni molti italiani-secondo uno studio Polli Cooking Lab-sceglieranno piatti leggeri e nutrienti. Pesce e verdure i protagonisti delle sere di festa

    21/12/2016 15:23

    Il Natale 2016 non sarà solo tradizione. Tra gli italiani, oltre a quelli che mangeranno cotechino, panettone, lasagnette alle verdure e branzino in crosta, c’è chi sceglierà piatti leggeri e nutrienti ovvero i cosiddetti 'Christmas Light Dishes', ricette rivisitate e meno caloriche. A segnalarlo è uno studio promosso dal Polli Cooking Lab, l'osservatorio sulle tendenze alimentari dell'omonima azienda toscana, condotto mediante metodologia Woa (Web Opinion Analysis) su un panel di 50 esperti dell'alimentazione tra cui chef stellati e nutrizionisti attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community per capire quale sarà il menù di Natale degli italiani

  • Natale a New York con il cuoco vip. Ecco gli indirizzi dei ristoranti più glamour

    All’interno di nuovi hotel e musei di Manhattan e Brooklyn si possono fare esperienze culinarie uniche proposte dagli chef più famosi

    18/12/2016 15:22

    Natale è tradizione, ma è anche viaggi e curiosità di assaporare dolcezze e piaceri diversi. In questo periodo molti pensano e hanno già pianificato festività all’estero. Tra le mete più ambite c’è senza ombra di dubbio New York. La Grande Mela conferma il suo ruolo di rilievo all’interno del panorama della ristorazione internazionale, con un’offerta sempre più ampia, variegata e di alto profilo. Tra le inaugurazioni degli ultimi mesi, principalmente all’interno di hotel e musei o in quartieri emergenti di Manhattan e Brooklyn, spiccano i ristoranti di celebrity chef come Carla Hall e Tom Colicchio, resi popolari dalla loro partecipazione a programmi televisivi, e i nuovi indirizzi di guru della ristorazione newyorkese, come April Bloomfield e Keith McNally. Tra i celebrity chef che hanno aperto un ristorante a New York City negli ultimi mesi, possiamo menzionare sicuramente:

  • Ecco la mappa dei migliori panettoni di Milano. Molte le edizioni speciali per il Natale 2016

    Considerato per antonomasia il dolce delle feste è identificato dalla maggior parte degli italiani come il prodotto che accende l'atmosfera natalizia. Molte diverse le proposte di qualità nel capoluogo lombardo

    15/12/2016 13:10

    Partendo dalla tradizione milanese, il taglio del panettone è identificato come uno dei momenti che più accendono l’atmosfera natalizia in tutta Italia per il 48% dei giovani tra i 18 e i 35 anni e per il 55% della fascia d’età dai 35 ai 54 anni, Natale ormai alle porte; prima ancora che le decorazioni e luminarie secondo il recente rapporto dell’Osservatorio Lorien. Tradizioni ben salde perché il 67% degli italiani passerà in famiglia il cenone del 24 dicembre o il pranzo di Natale.

  • La Rete premia il tiramisù. E' la ricetta più cliccata in assoluto

    La certificazione arriva dall'annuale classifica sulle ricerche online fatte mediante il motore di ricerca Google e riferite a quelle che hanno registrato il traffico maggiore in un determinato arco di tempo

    14/12/2016 12:31

    Non c’è storia, la ricetta più cliccata su internet è quella del dolce tiramisù che batte la peperonata e le Zucchine in Carpione. Il dato emerge dall’annuale classifica sulle ricerche online fatte mediante il motore di ricerca Google e riferite a quelle "che hanno registrato il traffico maggiore in un determinato arco di tempo", dal 1 gennaio al 7 dicembre 2016. Gli italiani si dimostrano anche interessati a fare un Mojito (settimo) o l'Amatriciana (decima), anche se qui entrano in campo elementi di cronaca. Gradimento è estato espresso anche per il pane sardo, per il panettone gastronomico , per i panini integrali morbidi, la pasta alla norma e il friggione che è una specialità gastronomica della tradizione bolognese.

  • Frutta secca, nuova frontiera del piacere enogastronomico

    Complice i momenti di consumo conviviale come l'aperitivo, gli happy hour e le festività cresce l'utilizzo dell'ingrediente in cucina con un complessivo miglioramento economico del settore

    17/11/2016 16:50

    Tutti ghiotti di frutta secca. A parlare sono i dati economici, ma anche le occasioni di consumo. Se infatti mandorle, uva sultanina, pistacchi, noci e nocciole sono i prodotti preferiti nel nostro Paese, un’analisi delle occasioni di consumo ci aiuta a comprendere l’evoluzione della frutta secca nel vissuto degli italiani. Secondo recenti stime a primeggiare con il 32% è l’aperitivo/happy hour, che vede dominare arachidi, mandorle e semi tostati. Segue l’uso come ingrediente in cucina (29%): qui pinoli, uva sultanina, noci, nocciole e anacardi sono protagonisti. Viene inoltre segnalato che anche se la destagionalizzazione è un trend ormai consolidato, con il 21% le festività di fine anno si confermano un periodo di forte e tradizionale consumo soprattutto di fichi, noci in guscio e datteri.

  • Michelin, l'Italia è al vertice per livello di qualità ma la stella non è ancora donna

    Presentata a Parma l'edizione 2017 delle temutissima Rossa. Premiati 343 ristoranti dello Stivale, otto con il massimo riconoscimento assegnato dalla Guida

    16/11/2016 19:26

    Quarantuno nuove stelle e nessuna donna, un dato che fa esultare e rattristare insieme. Quando sono saliti tutti i nuovi premiati e gli otto 3 stelle Michelin confermati (meno due, Crippa e Bottura in trasferta all'estero), il palco del Teatro Regio di Parma è quasi sprofondato sotto il peso di cotanto firmamento per la presentazione della Guida Michelin 2017, la Rossa più conosciuta di sempre. 294 una stella, 41 due stelle e 8 tre stelle ('Piazza Duomo' ad Alba-Cuneo, 'Da Vittorio' a Brusaporto-Bergamo, 'Dal Pescatore' a Canneto sull'Oglio-Mantova, 'Le Calandre' a Rubano -Padova, 'Osteria Francescana' a Modena, 'Enoteca Pinchiorri'a Firenze, 'La Pergola'a Roma, e 'Reale'Castel di Sangro-L'Aquila): con 343 ristoranti stellati l'Italia si attesta al secondo posto assoluto come numero di stelle nel mondo. Ma perché Parma? Perché è la patria del ristoro, capoluogo della Food Valley, città creativa della gastronomia per l'Unesco

Pagina 4 di 29

Naviga tra le pagine

  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. 6
  7. 7
  8. 8
  9. 9
  10. 10
  11. 11
  12. 12
  13. 13
  14. 14
  15. 15
  16. 16
  17. 17
  18. 18
  19. 19
  20. 20

Cerca

Multimedia

  • video

    A Pasqua arriva la colomba al Parmigiano Reggiano di Claudio Gatti

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”

AgroSpeciali