Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Home » Food Mania

Food Mania

  • Sei capitali della pasta inseguono il "segreto" dello stile italiano

    New York, Pechino, Rio de Janeiro, Tokyo, Addis Abeba, Berlino sfidano il Belpaese con ricette alternative al classico piatto made in Italy (cottura al dente, condimenti mediterranei)

    24/10/2015 12:27

    La leadership italiana in fatto di pasta non è in discussione, ma il tentativo almeno di insidiare il primato è palpabile. Sono in tanti oggi a cercare di riprodurre il “segreto” dello stile italiano con l’ovvia logica di fare del business intorno a un prodotto che ha una valenza planetaria. Le proposte e le varianti alla ricetta made in Italy (cottura al dente, condimenti mediterranei) nel mondo sono diverse tanto da portare a identificare sei capitali della pasta: New York, Pechino, Rio de Janeiro, Tokyo, Addis Abeba, Berlino.

  • A Venezia il ristorante italiano di lusso più apprezzato dai buongustai

    La Capitale- secondo la classifica di TripAdvisor- trionfa nella classifica nazionale con ben tre locali premiati. Cresce l’interesse dei connazionali per i “fine dining”

    14/10/2015 14:19

    TripAdvisor, il sito di viaggi più grande al mondo, ha annunciato i vincitori dei TripAdvisor Travellers’ Choice Fine Dining Restaurants 2015. Sono in tutto 356 i ristoranti ad aver ricevuto il riconoscimento, con classifiche dedicate per Asia, Canada, Europa, India, Sud America, Sud Pacifico e Stati Uniti. I premi sono basati sui milioni di recensioni e opinioni dei viaggiatori di TripAdvisor. I vincitori sono stati determinati utilizzando un algoritmo che ha preso in considerazione la quantità e la qualità delle recensioni per i ristoranti di tutto il pianeta, in un periodo di 12 mesi.

  • Consolazione tutta italiana per Massimo Bottura. Resta l’amarezza per The World's 50 Best Restaurants

    Lo chef di Modena, dopo il giudizio de L'Espresso, è il migliore anche per la guida ristoranti del Gambero Rosso. Questa volta il primato è in coabitazione con Heinz Beck.

    12/10/2015 18:08

    Reduce dall’incoronazione come migliore della guida dell’Espresso, Massimo Bottura (Osteria Francescana- Modena) incassa anche quella del Gambero Rosso in coabitazione con Heinz Beck (La Pergola del Rome Cavalieri). Per lo chef di Modena arrivano dunque due successi pieni dopo la delusione di aver mancato la leadership internazionale con il secondo posto dietro i fratelli Roca del ristorante El Celler De Can Roca di Girona (Spagna) nella classifica The World's 50 Best Restaurants.

    Video
  • Svelata la ricetta dell'abbinamento giusto tra formaggi tipici e birre artigianali

    Afidop, l'associazione che riunisce le più importanti produzioni casearie tutelate italiane, rende noto un vademecum per supportare e valorizzare con la "bionda" l'estrema varietà gustativa e di texture dei Dop

    02/10/2015 12:34

    Vincente perchè armoniosa e fondata su territorio e tipicità. Parliamo dell’unione enogastronomica tra i formaggi a denominazione d'origine protetta (Dop) e le birre artigianali italiane. Nell’ultimo periodo infatti sempre più spesso il tagliere di formaggi viene accompagnato da un bicchiere di birra artigianale, che nelle sue tante declinazioni, si rivela la bevanda ideale per supportare e valorizzare l'estrema varietà gustativa e di texture dei formaggi Dop, come si può sperimentare visitando le tante manifestazioni dedicate alla birra in programma in queste settimane in varie parti d'Italia.

  • La pizza umilia l’hamburger, è il piatto più fotografato su Instagram

    Con più di 17 milioni di scatti conquista il podio della top 10 dei cibi più noti del pianeta

    17/09/2015 12:46

    Pizza batte hamburger dieci a uno. Almeno secondo i maniaci di internet che amano fotografare e farsi fotografare con i loro piatti preferiti. La ricerca, promossa dallo chef Alessio Mecozzi (a capo della cucina del prestigioso Castadiva Resort di Blevio sul lago di Como, che ha cucinato per divi del calibro di Robert De Niro, Stevie Wonder, l’emiro del Qatar e gli One Direction) e realizzata in collaborazione con l’agenzia di comunicazione Klaus Davi, evidenzia che la pizza è in assoluto il piatto più fotografato e selfato di tutto il pianeta. Lo studio verrà presentato a ottobre al Castadiva Resort.

  • Single, la scintilla scatta in cucina

    Per il 34% degli intervistati di un campione Meetic i corsi per la preparazione di ricette sono al terzo posto nella classifica delle migliori attività per incontrare qualcuno di nuovo

    16/09/2015 15:38

    In Italia per l’88% dei single le iniziative di gruppo nelle quali si condividono interessi e passioni sono ottime occasioni per incontrare potenziali partner e tra queste spiccano i corsi di cucina. E’ ben il 34% dei single li mette al terzo posto nella classifica delle migliori attività per conoscere qualcuno di nuovo, in maniera divertente. E dopo aver incontrato qualcuno d’interessante, imparando preziose ricette, come muoversi per proseguire la conoscenza?

  • Il popolo dei food blogger sempre più ambasciatore dell’eco-cucina

    Da un'indagine dell'osservatorio Nostromo su un panel di 100 intervistati emerge che il 90% utilizza abitualmente ingredienti di scarto, anche quando gli ospiti sono esigenti. Fra gli alimenti da non sprecare il pane, la pasta avanzata

    27/08/2015 12:53

    Nell'anno di Expo, dove la parola d'ordine è non sprecare il cibo, il trend del momento è cucinare con gli avanzi. Tanto che il popolo dei food blogger, ambasciatori di tendenze, sempre alla ricerca dell’ultima ricetta di grido, preferisce l’eco - cucina per i pranzi e le cene più importanti ed utilizza abitualmente ingredienti di scarto per rielaborare piatti gourmet, fatti quasi esclusivamente a base di prodotti di stagione

  • Pizza surgelata: ecco la hit parade degli accostamenti più bizzarri

    All'estero il prodotto simbolo del made in Italy piace strano: si va dalla pizza ananas, peperoni e pancetta a quella con aglio e formaggio

    19/08/2015 13:16

    Agli stranieri la pizza surgelata piace strana. Nei Paesi oltre-confine si può trovare la pizza ananas, peperoni e pancetta e quella con uova, pancetta affumicata e funghi. Insomma «il Made in Italy piace, ma con un tocco di personalizzazione: gli inglesi impazziscono per la cipolla, i tedeschi per il piccante, mentre gli Stati Uniti sono i più affini ai gusti italiani» dicono alla Roncadin di Pordenone, che esporta pizze surgelate in diversi paesi del mondo tra cui Gran Bretagna, Germania, Francia, Spagna, Cina, Corea, Stati Uniti e Australia. Più nello specifico si segnala che i tedeschi preferiscono il gusto piccante e i salumi, mentre nel mondo anglosassone la cipolla e l’aglio sono d’obbligo. Negli Stati Uniti, invece, il gusto italiano si impone maggiormente: soprattutto nel settore d’alta gamma- afferma l’amministratore delegato Dario Roncadin. ci sono pizze molto vicine alle preferenze italiane, in quanto il desiderio è vivere pienamente l’italian style.

  • Street food: ad aggiudicarne il successo è il "metro eater"

    Le ricette, spesso povere, della tradizione italiana stanno tornando in auge grazie a individui dinamici che non amano la sedentarietà, attenti agli aspetti salutari e all'origine delle materie prime (67%), attivi sui social network

    09/08/2015 10:35

    Dalla farinata ligure, al lampredotto fiorentino per arrivare alla piadina romagnola e allo sfincione siciliano. Le ricette, spesso povere, della tradizione italiana stanno tornando in auge grazie allo street food che è sempre più di tendenza. ad aggiudicarne il successo è il "metro eater", ovvero il cliente tipo. Vita frenetica, poco tempo a disposizione, il metro eater mangia tra un impegno e l'altro e ha due priorità: velocità e qualità, elementi che riassumono la nuova tendenza del ''mobile eating'', analizzata da Bibite Sanpellegrino attraverso un'analisi che ha avuto come obiettivo quello di capire come si stanno trasformando i luoghi e le modalità di consumo del cibo nella società contemporanea.

  • Cooking therapy, il giusto antidoto per risolvere le crisi di coppia

    Per cementare il rapporto di coppia- suggerisce il nutrizionista Pietro Migliaccio- basta ritrovarsi davanti ai fornelli e lasciarsi inebriare dai profumi che solleticano i sensi. Stop a regali costosi, viaggi esotici e cene in ristoranti lussuosi

    06/08/2015 11:17

    La cooking therapy è uno dei migliori antidoti alla crisi di coppia. A scommettere sul metodo è il nutrizionista Pietro Migliaccio, presidente della Società Italiana di Scienza dell'Alimentazione. La terapia alternativa- secondo l’esperto- riduce lo stress e le incomprensioni con la possibilità di recuperare il tempo perso e guadagnare attimi di serenità nel rapporto a due. Insomma, per dirlo in parole povere, cucinare e mangiare insieme può aiutare a riportare la serenità nella coppia e consolidare il rapporto prendendolo per la gola. E anche fare la spesa insieme, dopo una lunga giornata lavorativa, ritrovarsi tra i fornelli può essere-si dice ancora- un buon momento per liberare la mente, armarsi di creatività e ritrovare la complicità con il partner a partire proprio dall’organizzazione della cena. La terapia inoltre permette di dire addio a regali costosi, viaggi esotici e cene in ristoranti lussuosi.

Pagina 12 di 30

Naviga tra le pagine

  1. 2
  2. 3
  3. 4
  4. 5
  5. 6
  6. 7
  7. 8
  8. 9
  9. 10
  10. 11
  11. 12
  12. 13
  13. 14
  14. 15
  15. 16
  16. 17
  17. 18
  18. 19
  19. 20
  20. 21
  21. 22

Cerca

Multimedia

  • video

    A Pasqua arriva la colomba al Parmigiano Reggiano di Claudio Gatti

  • foto

    Davide Del Duca di Osteria Fernanda: Amatriciana, guanciale croccante

  • video

    ‘Chef Ma Non Troppo’, Fede&Tinto raccontano “L’Italia in Cucina”

AgroSpeciali